BAMMENELLA (dal musical “Storia di una magia”)

E’ stupenda questa canzone del grande Raffaele Viviani, che denota tutta l’anima del grande poeta e commediografo che seppe come pochi inteRpretare l’”anima” vera della sua città, Napoli.
Il pezzo fu cantato dalla prostituta Ines, uno dei personaggi della commedia di Raffaele Viviani “‘A notte“, andata in scena nel 1918, commedia ambientata nel popolare quartiere napoletano di Toledo (tanto che in seguito il lavoro sarà chiamato “Toledo di notte“). La musica fu tratta da Viviani da un valzer di successo e fu scritta fin dal 1915.

La canzone è tratta da uno splendido spettacolo musicale, “STORIA DI UNA MAGIA”, interpretato da un gruppo di giovani artisti napoletani, “I Girovaghi dell’Arte”.
Il lavoro, scritto e diretto da un geniale autore napoletano,  Egidio del Giudice, ripropone, in chiave musicale, una delle più antiche e sentite feste di Napoli, quella, appunto, di “Piedigrotta”, che risale addirittura al 1200, anche se, da secoli, ha perso lentamente Il valore “popolare” da cui nasceva, per spegnersi inevitabilmente con l’avvento del progresso.

L’autore: RAFFAELE VIVIANI
(Castellammare di Stabia, 1888 – 1950)

Un grandissimo artista della storia di Napoli. La sua arte scenica affascinò le masse ed elettrizzò prima le platee locali, poi quelle del mondo, dove portò il vero cuore e le sue grandezze, le sue miserie, la sua rassegnazione, la sua ribellione: quel misto che è il  poco o il molto di un popolo che ha una storia e un passato millenari. Teatro tutto suo, quello di Raffaele Viviani: strappato di netto alle radici della sua terra. Se l’attore domina il poeta, il poeta domina l’attore: si completano entrambi.
Presa letterariamente, la poesia del Viviani è quella che è: riproduzione fedele della vita, degli usi e costumi del suo popolo, che amava d’intenso amore. Così nelle canzoni: è il cuore semplice di un uomo del popolo che canta e recita, rompe e impreca, e si lamenta e prega, e benedice, sull’altalena di un verso che, spesse volte rude, è pur sempre efficace, toccante, suadente. Aveva quattro anni quando debuttò in un teatrino d’infimo ordine: il Masaniello, a Porta Capuana (una baracca costruita dal padre, attrezzista teatrale), dove sostituì il cantante Carlo Ciofi, ammalatosi. L’anno dopo cantava da solo e a sua sorella Luisella, che divenne poi meravigliosa cantante e grande attrice della compagnia del fratello. Nel 1905 ottiene il suo primo strepitoso successo al teatro Petrella con la canzone ‘O scugnizzo, di Capurro e Buongiovanni, che poi fece sempre parte del suo repertorio.
Da qui man mano conquista il pubblico dei maggiori teatri di varietà e di tutta la penisola. Nel dicembre 1917 forma la sua prima compagnia musicale napoletana e da allora, fino al 1945, la sua attività di capocomico e commediografo non ha più sosta ed ottiene un vero plebiscito di entusiasmo dal pubblico italiano ed estero. Nello stesso tempo pubblica libri di memorie, di poesie, di teatro. Già nel 1906 aveva scritto una risposta alla canzone in voga: Cara mammà, intitolandola: Caro Totò, e una macchietta: Fifì Rino, che ebbe successo sia nella sua interpretazione che in quella di altri comici dell’epoca.
Successivamente diede il via ad un nuovo genere di macchietta, a tempo di marcia. Uno stile piacevole, che riempì il repertorio dei De Marco e dei Totò. Poi le canzoni, con musica tutta sua, non si contarono più. Le pubblicaro Bideri  col quale vinse un premio della “Tavola Rotonda”, nel 1912, con Ce vevo ‘a coppa  La Canzonetta e Gennarelli. Molte di esse furono inserite, e ne facevano parte, nelle belle commedie dello stesso Viviani.

BAMMENELLA
(Raffaele Viviani, 1915)

Só’ “Bammenella” ‘e coppe Quartiere:
pe’ tutta Napule faccio parlá,
quanno, annascuso, pe vicule, ‘a sera,
‘ncoppo pianino mme metto a ballá…

Vene ‘ambulanza?…
‘Int’a niente mma squaglio!
E, si mm’afferra, mme torna a lassá!
‘Ncoppa quistura, si ê vvote ce saglio,
è pe’ furmalitá…

Cu ‘a bona maniera,
faccio cadé ‘o brigatiere…
piglio e lle véngo ‘o mestiere:
dico ca ‘o tengo ccá…

‘O zallo so ‘mmocca,
ll’avota ‘a capa e s’abbocca…
ma, nun appena mme tocca,
mme n’ha da manná!

Mme fanno ridere cierti pperzone
quanno mme diceno: “Penza pe’ te…”
Io faccio ‘ammore cu ‘o capo guaglione
e spènno ‘e llire po fá cumparé…

Stó’ sotto ‘o dèbbeto,
chisto è ‘o destino…
ma c’è chi pava pirciò lassa fá…
Tengo nu bellu guaglione vicino
ca mme fa rispettá!

Chi sta ‘into peccato,
ha da tené’ ‘o ‘nnammurato.
ch’appena doppo assucciato,
s’ha da sapé appiccecá…

E tutte sserate,
chillo mm’accide ‘e mazzate!
Mme vò’ nu bene sfrenato,
ma nun ‘o ddá a paré’!…

Mo só’ tre mise ca ‘o tengo malato;
sacc’io che spènno pe’ farlo saná!
Però, ‘o duttore, cu me s’è allummato:
pe’ senza niente mmo faccio curá…

E tene pure ‘o mandato ‘e cattura:
priesto, ‘ambulanza so vène a pigliá…
Io ll’aggio ditto: “Sta’ senza paura,
pe’ te, ce stóngo io ccá!…”

Cu ‘a bona maniera,
faccio cadé ‘o brigatiere,
Mentre io lle vengo ‘o mestiere…
isso, have ‘o canzo ‘e scappá…

Pe’ me, ‘o ‘ssenziale,
è quanno mme vasa carnale:
Mme fa scurdá tutto mmale
ca mme facette fá!…

You might be interested in