MUNASTERIO ‘E SANTA CHIARA (dal musical “Ritorna Piedigrotta”)

Nel 1880 una canzoncina allegra e spensierata apriva un’epoca. Era “Funiculì funiculà” che, inneggiando al “modernismo” dell’epoca (rappresentato dall’inaugurazione di un’audace funicolare sul Vesuvio), divenne il simbolo canoro di un’epoca felice e proiettata verso un futuro migliore. Sessant’anni dopo un’altra canzone doveva inaugurare un’epoca ben diversa. La Basilica di Santa Chiara è sempre stata uno dei luoghi sacri più cari al cuore dei napoletani e questa bellissima e tragica canzone ne ricorda la distruzione, avvenuta durante la Guerra, divenendo il simbolo stesso di un’epoca tragica e difficile per la città. I versi della canzone sono di Michele Galdieri (figlio del grandissimo poeta Rocco), che seppe illuminare l’arte e la canzone di Napoli con una prosa poetica di grande talento.
La musica appartiene a un giovane e brillante musicista, Alberto Barberis il quale, trasferitosi in Messico, perì, per ironia della sorte, proprio sotto le macerie di un terremoto.


​La canzone è tratta da uno splendido spettacolo musicale, “RITORNA PIEDIGROTTA”, interpretato da un gruppo di giovani artisti napoletani, “I Girovaghi dell’Arte“.

Il lavoro, scritto e diretto da un geniale autore napoletano,  Egidio del Giudice, ripropone, in chiave musicale, una delle più antiche e sentite feste di Napoli, quella, appunto, di “Piedigrotta”, che risale addirittura al 1200, anche se, da secoli, ha perso lentamente Il valore “popolare” da cui nasceva, per spegnersi inevitabilmente con l’avvento del progresso.

Un progresso che, nella rappresentazione, diventa il nemico di Pulcinella, la classica maschera napoletana, che si rifiuta di uscire dal suo sogno, nel nomo di un avanzare dei costumi e delle mode che non appartengono più all’anima vera della vecchia Napoli.


Il musicista
ALBERTO BARBERI
S
(Roma, 1920 – 1957)

Si diplomò a venti anni in pianoforte e composizione al Conservatorio di Santa Cecilia. Si dedicò in seguito alla rivista, collaborando con Michele Galdieri. E proprio in un quadro musicale della rivista “Imputato, alziamoci!” del 1945, con Totò, la Magnani, Peppino de Filippo e Alberto Sordi che nacque la celebre “Munasterio ‘e Santa Chiara”, poi tradotta e cantata in tutte le lingue. Nel 1952 accompagnò la cantante Tina de Mola in America e decise di restare in Messico, dove lavorò nei night fino alla morte, avvenuta per infarto dopo uno spaventoso terremoto.


Picture

Il poeta
MICHELE GALDIERI 

(Napoli 1877 – 1923)

Fine ed umanissimo poeta, il fascino della sua arte attrae delicatamente come un miraggio lunare, ha risonanze nel cuore, ha richiami come una voce amica, cullante e carezzevole nelle sue dolci trasparenze. Voce fraterna ed eterna, perché proveniente dal pentagramma d’un cuore che domina in eterno: quello della Poesia, quella vera. Ch’è, poi, il tormento e la gioia dei veri artisti. Rocco Galdieri ebbe il culto del teatro: da quello schiettamente umoristico (come le riviste Babilonia, Ll’ommo che vola, Chiò, chiò, paparacchiò, Come fu, come non fu…, ecc., che tennero cartello per mesi), alle commedie di maggiore impegno intimistiche e crepuscolari (Zia carnale, L’aniello a fede, ‘E ccose ‘e Dio). Umorista dalla fluidissima vena, furoreggiò sul tradizionale “Monsignor Perrelli”, accanto all’inesauribile Ugo Ricci ed al sapido Carlo Veneziani. Dedicò alla canzone, sia in dialetto che in lingua, le belle doti della sua poesia immediata e convincente e collaborò, all’inizio della sua attività, con la Casa editrice di Ferdinando Bideri, ottenendo il suo primo successo nel 1905 con ‘O Vommero, musicata da Segrè e, sempre per Bideri, diresse per qualche anno la famosa rivista letterario-musicale “La Tavola Rotonda”. Poi fu alla direzione delle editrici La Canzonetta e Anazzo. Mise su, per proprio conto, la casa Amena, che lo vide impegnato, nel giro di pochi anni e fino alla sua morte, in pubblicazioni di fascicoli primaverili e piedigrotteschi, in spettacoli vari, in raccolte di poesie e libri di altri autori. Le sue liriche, stampate in due volumi da Casella (“Poesie”, 1914 e “Nuove Poesie” 1919) sono oggi ristampate dalla Bideri.

MUNASTERIO ‘E SANTA CHIARA
di Galdieri – Barberis
 (1945)

Dimane?… Ma vurria partì stasera!
Luntano no, nun ce resisto cchiù!
Dice che c’è rimasto sulo ‘o mare,
che ‘o stesso ‘e primma, chillu mare blu!
Munasterio ‘e Santa Chiara,
tengo ‘O core scuro scuro,
ma pecchè, pecchè ogne sera
penzo a Napule comm’era
penzo a Napule comm’è?!

Funtanella ‘e Capemonte,
chistu core mme se schianta
quanno sento ‘e dì d’ ‘a ggente
ca s’è fatto malamente, ‘stu paese.., ma pecchè?

No.. nun è overo! No, nun ce crero
E moro pe’ ‘sta smania ‘e turnà a Napule…
ma ch’aggia fa… mme fa paura ‘e ce tornà!

Paura?… Si… Se fosse tutto overo?
Se ‘a ggente avesse ditto ‘a verità?
Tutt’ ‘a ricchezza ‘e Napule, era… ‘o core!
Dice… ch’a perzo pure chillu llà!

Munasterio ‘e Santa Chiara…
‘nchiuse dint’a quatto mura,
quanta femmene sincere
si perdevano n’ammore, se spusavenc a Gesù.

Funtanella ‘e Capemonte…
mò si perdono n’amante
già ne teneno ‘ati cciento.,,
ca ‘na femmena nnucente, dice ‘a ggente, nun c’è cchiù.

No,. nun è overo… No, nun ce crero,
E moro pe’ ‘sta smania ‘e turnà a Napule…
ma ch’aggia fa? mme fa paura ‘e ce turnà:

Munasterio ‘e Santa Chiara,
tengo ‘o core scuro scuro…
ma pecchè, pecchè ogne sera
penzo a Napule comm’era
penzo a Napule comm’è?!

You might be interested in