‘O PAESE D’O SOLE (dal musical “Ritorna Piedigrotta”)


Una canzone celebre e delicata, tratta da uno splendido spettacolo musicale, “RITORNA PIEDIGROTTA”, interpretato da un gruppo di giovani artisti napoletani, “I Girovaghi dell’Arte”.
Il lavoro, scritto e diretto da un geniale autore napoletano,  Egidio del Giudice, ripropone, in chiave musicale, una delle più antiche e sentite feste di Napoli, quella, appunto, di “Piedigrotta”, che risale addirittura al 1200, anche se, da secoli, ha perso lentamente Il valore “popolare” da cui nasceva, per spegnersi inevitabilmente con l’avvento del progresso.
Un progresso che, nella rappresentazione, diventa il nemico di Pulcinella, la classica maschera napoletana, che si rifiuta di uscire dal suo sogno, nel nomo di un avanzare dei costumi e delle mode che non appartengono più all’anima vera della vecchia Napoli.

Amata da sempre dai cantanti dotati di grandi mezzi vocali, la canzone è sicuramente (con “‘O sole mio”) uno dei simboli musicali di Napoli in tutto il mondo. Il testo di  Bovio, composto pressoché di getto dopo un periodo di allontanamento dalla città, esprime infatti con un calore e un’emozione indescrivibile la gioia di ritornare a Napoli, la città dove tutte le parole, quelle dolci ma anche quelle amare, “so’ sempe parole d’ammore!”.
Altri grandissimi poeti suoi contemporanei gli furono accanto sui massimi gradini dell’arte, certo, Di Giacomo, Russo, Murolo, ma nessuno seppe costruire un patrimonio di canzoni così vasto, ricco e artistico che possa competere con la sua  immensa produzione. “Guapparia”, “‘A canaria”, “Reginella”, “Silenzio cantatore”, “Chiove”, “Tu ca nun chiagne”, “Zappatore”, “Signorinella”, e questa celeberrima “‘O paese d’ ‘o sole” ) sono solo alcuni dei suoi straordinari successi.

Picture


Il video è tratto dallo splendido spettacolo musicale, “RITORNA PIEDIGROTTA”, interpretato da un gruppo di giovani artisti napoletani, “I Girovaghi dell’Arte”.

Il lavoro, scritto e diretto da un geniale autore napoletano,  Egidio del Giudice, ripropone, in chiave musicale, una delle più antiche e sentite feste di Napoli, quella, appunto, di “Piedigrotta”, che risale addirittura al 1200, anche se, da secoli, ha perso lentamente Il valore “popolare” da cui nasceva, per spegnersi inevitabilmente con l’avvento del progresso.
Un progresso che, nella rappresentazione, diventa il nemico di Pulcinella, la classica maschera napoletana, che si rifiuta di uscire dal suo sogno, nel nomo di un avanzare dei costumi e delle mode che non appartengono più all’anima vera della vecchia Napoli.

Picture

 

Il Poeta: LIBERO BOVIO
(Napoli 1883-1942)

​Chissà cosa sarebbe stata la canzone napoletana senza Libero Bovio. Sicuramente nessun autore della pur gloriosa storia della canzone di questa città ci ha lasciato un numero così grande di opere straordinarie e di successi che hanno girato (e continuano a girare) il mondo, contribuendo a fare della musica di Napoli quella sicuramente più conosciuta e apprezzata in ogni angolo della Terra.
Quando “don Liberato” passava con la sua carrozzella per il centro della città, tutti lo riconoscevano e gli rendevano omaggio. Il suo amore per Napoli e l’arte furono assoluti e smodati, così come il suo disprezzo per qualsiasi forma di servilismo o compromesso. Don Liberato non si discuteva: si amava o si odiava, ma comunque non era proprio possibile ignorarlo. Ebbe tre grandi e totali amori:  la sua città,  la poesia e l’amata Maria, la donna che impersonò tutti i suoi sogni e inni d’amore e che gli fu vicina per tutta la vita.


Picture

Il musicista: VINCENZO D’ANNIBALE
(Napoli, 1894 – 1950)
La musica della canzone è di Vincenzo D’Annibale, e, insieme agli splendidi versi, rappresenta forse il più appassionato grido d’amore mai lanciato in musica a Napoli. 

​’O PAESE D’O SOLE
(Bovio – D’Annibale, 1925)
_____________________________________
Dal musical: Ritorna PIedigrotta
Scritto e diretto da:
Egidio Del Giudice
Regia filmato: Gigi Oliviero
Fotografia: Ernesto Lanzi
Montaggio:  Arturo Farruggia
Produzione
: LUMA FILM Sas (Roma)
Durata: 1’30”  
         

______________________________
IL Testo

‘O PAESE D’O SOLE
(8ovio-D’Annibale – 1925)Ogge sto’ tanto allero
ca quase quase me mettesse a chiagnere
pe’ ‘sta felicità…
Ma è overo o nun è overo
ca so’ turnato a Napule?
Ma è overo ca sto’ cca’?
‘O treno steva ancora ‘int’a stazione
quando aggio ‘ntiso ‘e primme manduline…
Chist’è ‘o paese d”o sole,
chist’è ‘o paese d”o mare,
chist’è ‘o paese addò tutt’ ‘e pparole,
sò doce o sò amare,
sò sempe parole d’ammore…

‘Sta casa piccerella,
‘sta casarella mia ‘ncoppo Pusilleco,
luntano chi t’ ‘a dà?…
‘Sta casa puverella
tutta addurosa ‘anepeta
se putarria pittà…
‘A ccà nu ciardeniello sempe ‘nfiore.
e de rimpetto ‘o mare,sulo ‘o mare!

Chist’è ‘o paese d”o sole,
chist’è ‘o paese d”o mare,
chist’è ‘o paese addò tutt’ ‘e pparole,
sò doce o sò amare,
sò sempe parole d’ammore…

Tutto,tutto è destino…
Comme putevo fà fortuna all’estero
s’io voglio campà ccà?
Mettite ‘nfrisco ‘o vino,
tanto ne voglio vevere
ca m’aggia ‘mbriacà…
Dint’a ‘sti qquatte mura i stò cuntento:
mamma me sta vicino,e nenna canta:

Chist’è ‘o paese d”o sole,
chist’è ‘o paese d”o mare,
chist’è ‘o paese addò tutt’ ‘e pparole,
sò doce o sò amare,
sò sempe parole d’ammo
re…

You might be interested in