‘O SURDATO NNAMMURATO (Elena Bonelli)

E’ senza dubbio la canzone “militare” più celebre e cantata della storia napoletana. Accompagnò i nostri soldati al fronte durante la Prima Guerra Mondiale, diventando un simbolo di ardore e coraggio. In effetti il travolgente motivo di Enrico Cannio (l’autore di “Tarantella Luciana”), unito ai versi diAnielloCalifano (autore fra l’altro di “Ninì Tirabusciò“), ha tutti i requisiti per travolgere l’ascoltatore, e ciò giustifica lo straordinario successo mondiale di questo pezzo, assai amato (per la sua straordinaria capacità di presa sul pubblico) dai cantanti di gran voce e divenuto oramai uno dei simboli della musica e gioia di vivere napoletane. Eppure i due autori non avevano mai indossato una divisa!

La canzone, pure cantata sempre con allegria e entusiasmo, in realtà è molto triste, in quanto descrive la disperazione di un soldato che combatte al fronte durante la Prima Guerra Mondiale e che soffre per la lontananza dalla donna di cui è innamorato.


Il video della canzone è tratto dal film “NAPOLI.NA’!, diretto da Gigi Oliviero e interpretato da Elena Bonelli.
Una splendida carrellata sulla musica napoletana, con tutte le più celebri canzoni napoletane interpretate da Elena nei luoghi del golfo dove nacquero e sono ambientate.
Completa il cast Egidio del Giudice e un bellissimo gruppo di giovanissimi ballerini napoletani.


Picture

Il poeta: ANIELLO CALIFANO
(Sorrento 1880-1919)
Aniello Califano fu una straordinaria figura di poeta che animò le notti napoletane nei primi anni del ’900. Era ricco il giovane Aniello. era nato a Sorrento da una famiglia di ricchi possidenti terrieri. Figlio unico, una volta mandato a Napoli, iniziò a frequentare la bella vita e le donne, senza mai  lasciarsi sfuggire l’occasione di riempire la sua vita con avventure sempre nuove. Prese a scrivere canzoni sia per una naturale inclinazione, sia per le moine interessate che gli facevano le tante ballerine e attricette che conquistava a suon di soldi.


Picture

Il musicista: ENRICO CANNIO
(Napoli, 1875 – 1949)
Fu uno dei maggiori compositori del suo tempo, dalla vena felice e estremamente popolare. Fu particolarmente apprezzato nelle canzoni briose e a tempo di marcia, come la celebrrima “‘O surdato nnammurato”, diventato oramai uno degli inni della canzone napoletana nel mondo. 
Era un musicista molto preparato, diplomato in pianoforte e fu un ottimo direttore d’orchestra. Svolse la sua attività musicale sempre a Napoli, collaborando a innumerevoli spettacoli e lasciandoci numerose canzoni di successo,  scritte coi più grandi poeti del tempo (Bovio, Murolo, Califano).


Picture

Testo

‘O SURDATO NNAMMURATO

(Califano-Cannio, 1915)Staje luntana da stu core,
a te volo cu ‘o penziero:
niente voglio e niente spero
ca tenerte sempe a fianco a me!
Si sicura ‘e chist’ammore
comm’i só sicuro ‘e te…

Oje vita, oje vita mia…
oje core ‘e chistu core…
si stata ‘o primmo ammore…
e ‘o primmo e ll’ùrdemo
sarraje pe’ me!

Quanta notte nun te veco,
nun te sento ‘int’a sti bbracce,
nun te vaso chesta faccia,
nun t’astregno forte ‘mbraccio a me?!
Ma, scetánnome ‘a sti suonne,
mme faje chiagnere pe’ te…

Oje vita, oje vita mia…
oje core ‘e chistu core…
si stata ‘o primmo ammore…
e ‘o primmo e ll’ùrdemo sarraje pe’ me!

Scrive sempe e sta’ cuntenta:
io nun penzo che a te sola…
Nu penziero mme cunzola,
ca tu pienze sulamente a me…
‘A cchiù bella ‘e tutt”e bbelle,
nun è maje cchiù bella ‘e te!

Oje vita, oje vita mia…
oje core ‘e chistu core…
si stata ‘o primmo ammore…
e ‘o primmo e ll’ùrdemo sarraje pe’ me!

You might be interested in