‘A CITTA’ E PULECENELLA (Ciccio Capasso)

Una canzone divenura famosa, tratta da un musical napoletano “SCUGNIZZI“, di  Claudio Mattone. 
Il brano, del 1992, è interpretato da un grande artista della canzone napoletana, Ciccio Capasso.

Versi e musicaClaudio Mattone
Interprete: Ciccio Capasso
Riprese filmate: Gigi Oliviero
Produzione
: LUMA FILM Sas (Roma)  
Durata: 4′     

L’autore: CLAUDIO MATTONE
Si mette in luce, giovanissimo, come pianista jazz; successivamente, attratto dalla musica popolare, comincia a comporre musiche e testi di canzoni. Lasciata l’università all’ultimo anno di giourisprudenza, si trasferisce a Roma, dove inizia a frequentare l’RCA Italiana, debuttando come cantautore nel 1968 con È sera, che viene presentata anche a Un disco per l’estate da Peppino Di Capri.
Picture

Nello stesso periodo incontra Franco Migliacci con cui firmerà i primi successi: Ma che freddo fa, cantata da Nada appena quindicenne e da The Rokes, Il cuore è uno zingaro(presentata da Nada e da Nicola di Bari e vincitrice del Festival di Sanremo 1971). Come autore ha scritto successi per Alberto Sordi (“E va, e va…”), Renato Carosone (“Na canzuncella doce doce”), Gigi Proietti, Enrico Montesano, Gianni Morandi (Ma chi se ne importa, canzone vincitrice di Canzonissima 1970)
Collabora con Renzo Arbore nella composizione di Ma la notte noIl materassoIl clarinettoCacao MeravigliaoSì, la vita è tutt’un quizVengo dopo il tiggì ed altre, e compone musiche e testi per il teatro, per la televisione e per il cinema.
Si dedica con successo anche al lancio di giovani artisti, come Eduardo De Crescenzo (per cui ha scritto Ancora, uno dei brani italiani più eseguiti in assoluto, ManiL’infinità e altre), Mietta (con Sogno il debutto dell’interprete a Sanremo nel 1988), i Neri per caso (con Le ragazze vincono la sezione “Giovani” del Festival di Sanremo 1995) e Syria  (con Non ci sto vince il primo posto nelle Nuove Proposte sanremesi nel 1996 e l’anno successivo il terzo posto tra i Big).
Nel 1990  vince il David di Donatello per il miglior musicista per la colonna sonora del film Scugnizzi e il David di Donatello per la migliore canzone originale (con la regia di Nanny Loi).

A questo film si ispira nel 2002 per la scrittura e la messa in scena del musical C’era una volta… Scugnizzi (sceneggiatura scritta in collaborazione con Enrico Vaime), ambientato tra ragazzi a rischio di una periferia napoletana, con una compagnia di attori-cantanti giovanissimi, quasi tutti alla prima esperienza, un’impresa difficile che ottiene uno straordinario consenso di pubblico e di critica (sbanca il botteghino e vince l’Oscar del Teatro assegnato dall’Ente Teatrale Italiano), e in poco tempo diventa un “cult”. Tra i brani più noti del musical è ‘A città ‘e Pullecenella, una serenata dolce e amara dedicata alla città di Napoli.
Scrive musiche e testi per alcuni spettacoli teatrali di Garinei e Giovannini, tra cui ricordiamo Beati voi e Gli uomini sono tutti bambini, nonché una lunga serie di sigle di programmi televisivi. Nella sua carriera ha collezionato vari riconoscimenti (David di Donatello, Nastro d’Argento, Globo d’Oro, Ciak d’Oro e numerose vittorie e premi della critica al Festival di Sanremo).
Animato da una grande passione per lo spettacolo e la comunicazione in genere, ha fondato a Roma un centro di produzione con sale d’incisione, due società editoriali, un’etichetta discografica e una società di produzione teatrale. Oggi la sua occupazione principale è il teatro e, sempre, la ricerca di talenti.

‘A CITTA’ ‘E PULECENELLA (1992)

T’accumpagno vico vico
sulo a tte ca si’ ‘n amico
e te porto pe’ ‘e quartiere
addo’ ‘o sole nun se vede

ma se vede tutto ‘o riesto
e s’arapeno ‘e ffeneste
e capisce comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella
comm’e’ bella comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella
comm’e’ bella comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenell.

Me dispiace sulamente
ca l’orgoglio ‘e chesta gente
se murtifica ogni juorno
pe’ ‘na manica ‘e fetiente
che nun teneno cuscienza
e nun teneno rispetto
comme fanno a piglia’ suonno
quann’e’ ‘a sera dint’ ‘o lietto
dint’ ‘o lietto dint’ ‘o lietto
quann’e’ ‘a sera dint’ ‘o lietto
dint’ ‘o lietto dint’ ‘o lietto
quann’e’ ‘a sera dint’ ‘o lietto

po’ te porto a Margillina
sempe ca nun tiene fretta
verso ‘e ccinche d’ ‘a matina
quann’ ‘o traffico ‘o ppermette
cca’ e’ permesso tuttecose
no pecche’ tiene ‘o diritto
ma pecche’ s’e’ sempe fatto
o e’ sultanto pe’ dispietto
pe’ dispietto pe’ dispietto
e’ sultanto pe’ dispietto
pe’ dispietto pe’ dispietto
e’ sultanto pe’ dispietto

me dispiace sulamente
ca l’orgoglio ‘e chesta gente
se murtifica ogni juorno
e nuje ce mettimmo scuorno
e nisciuno po’ ffa’ niente
ce zucammo ‘a caramella
comm’e’ ddoce e comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella
comm’e’ ddoce e comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella
comm’e’ ddoce e comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella

io che songo musicante
e me sento furtunato
canto e ssono sono e canto
chesta bella serenata
pecche’ so’ nnammurato
pecche’ forse ce so’ nato
ma vedite comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella
comm’e’ bella comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella
comm’e’ bella comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella
comm’e’ bella comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella
comm’e’ bella comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella

You might be interested in