‘A CITTA’ E PULECENELLA (da “Ritorna Piedigrotta”)

La canzone è tratta da uno splendido spettacolo musicale, “RITORNA PIEDIGROTTA”, interpretato da un gruppo di giovani artisti napoletani, “I Girovaghi dell’Arte”.
Il lavoro, scritto e diretto da un geniale autore napoletano,  Egidio del Giudice, ripropone, in chiave musicale, una delle più antiche e sentite feste di Napoli, quella, appunto, di “Piedigrotta”, che risale addirittura al 1200, anche se, da secoli, ha perso lentamente Il valore “popolare” da cui nasceva, per spegnersi inevitabilmente con l’avvento del progresso.
Un progresso che, nella rappresentazione, diventa il nemico di Pulcinella, la classica maschera napoletana, che si rifiuta di uscire dal suo sogno, nel nomo di un avanzare dei costumi e delle mode che non appartengono più all’anima vera della vecchia Napoli.

Picture

La canzone, ormai divenuta famosa, è tratta da un musical napoletano “SCUGNIZZI“, di Claudio Mattone. 
Versi e musicaClaudio Mattone
Anno: 1992

Dallo spettacolo: RITORNA PIEDIGROTTA
Scritto e diretto da Egidio Del Giudice
Riprese filmate: Gigi Oliviero
Produzione: LUMA FILM Sas (Roma)
Durata: 2’50”


L’autore: CLAUDIO MATTONE
Si mette in luce, giovanissimo, come pianista jazz; successivamente, attratto dalla musica popolare, comincia a comporre musiche e testi di canzoni. Lasciata l’università all’ultimo anno di giurisprudenza, si trasferisce a Roma, dove inizia a frequentare l’RCA Italiana, debuttando come cantautore nel 1968 con È sera, che viene presentata anche a Un dsco per l’estate da Peppino Di Capri.

Nel 1990 vince il David di Do0natello per il miglior musicista per la colonna sonora del film Scugnizzi e la migliore canzone originale per il fiopm omonimo, diretto da Nanni Loy.

A questo film si ispira nel 2002 per la scrittura e la messa in scena del musical C’era una volta Scugnizzi (sceneggiatura scritta in collaborazione con Enrico vaime), ambientato tra ragazzi a rischio di una periferia napoletana, con una compagnia di attori-cantanti giovanissimi, quasi tutti alla prima esperienza, un’impresa difficile che ottiene uno straordinario consenso di pubblico e di critica (sbanca il botteghino e vince l’Oscar del Teatro assegnato dall’Ente Teatrale Italiano), e in poco tempo diventa un “cult”. Tra i brani più noti del musical è ‘A città ‘e Pullecenella, una serenata dolce e amara dedicata alla città di Napoli.
Scrive musiche e testi per alcuni spettacoli teatrali di Garinei e Giovannini, tra cui ricordiamo Beati voi e Gli uomini sono tutti bambini, nonché una lunga serie di sigle di programmi televisivi. Nella sua carriera ha collezionato vari riconoscimenti (David di Donatello, Nastro d’Argento, Globo d’Oro, Ciak d’Oro e numerose vittorie e premi della critica al Festival di Sanremo).
Animato da una grande passione per lo spettacolo e la comunicazione in genere, ha fondato a Roma un centro di produzione con sale d’incisione, due società editoriali, un’etichetta discografica e una società di produzione teatrale. Oggi la sua occupazione principale è il teatro e, sempre, la ricerca di talenti.


‘A CITTA’ ‘E PULECENELLA (1992)

T’accumpagno vico vico
sulo a tte ca si’ ‘n amico
e te porto pe’ ‘e quartiere
addo’ ‘o sole nun se vede

ma se vede tutto ‘o riesto
e s’arapeno ‘e ffeneste
e capisce comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella
comm’e’ bella comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella
comm’e’ bella comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenell.

Me dispiace sulamente
ca l’orgoglio ‘e chesta gente
se murtifica ogni juorno
pe’ ‘na manica ‘e fetiente
che nun teneno cuscienza
e nun teneno rispetto
comme fanno a piglia’ suonno
quann’e’ ‘a sera dint’ ‘o lietto
dint’ ‘o lietto dint’ ‘o lietto
quann’e’ ‘a sera dint’ ‘o lietto
dint’ ‘o lietto dint’ ‘o lietto
quann’e’ ‘a sera dint’ ‘o lietto.

Po’ te porto a Margillina
sempe ca nun tiene fretta
verso ‘e ccinche d’ ‘a matina
quann’ ‘o traffico ‘o ppermette
cca’ e’ permesso tuttecose
no pecche’ tiene ‘o diritto
ma pecche’ s’e’ sempe fatto
o e’ sultanto pe’ dispietto
pe’ dispietto pe’ dispietto
e’ sultanto pe’ dispietto
pe’ dispietto pe’ dispietto
e’ sultanto pe’ dispietto

me dispiace sulamente
ca l’orgoglio ‘e chesta gente
se murtifica ogni juorno
e nuje ce mettimmo scuorno
e nisciuno po’ ffa’ niente
ce zucammo ‘a caramella
comm’e’ ddoce e comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella
comm’e’ ddoce e comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella
comm’e’ ddoce e comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella

io che songo musicante
e me sento furtunato
canto e ssono sono e canto
chesta bella serenata
pecche’ so’ nnammurato
pecche’ forse ce so’ nato
ma vedite comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella
comm’e’ bella comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella
comm’e’ bella comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella
comm’e’ bella comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella
comm’e’ bella comm’e’ bella
‘a citta’ ‘e Pulecenella

You might be interested in