‘A FRANGESA (dal musical “Storia di una magia”)

LA CANZONE
Il 12 luglio 1894, al teatro Circo del Varietà di Napoli esordì come cantante e soubrette una ‘chanteuse’ delle Folies-Bergère di Parigi, Armand’Ary. La ragazza, per le sue indubbie doti di avvenenza (ma certo anche per le indubbie qualità artistiche) ebbe subito un successo di pubblico eccezionale, tanto da spingere il grande musicista Pasquale Mario Costa (l’indimenticabile autore di “Era de maggio” e “Catarì”) a dedicarle una canzoncina dai toni frizzanti e provocanti.
La canzone si chiamava appunto “La frangesa” e fu eseguita dalla nostra soubrette proprio al Circo del Varietà. Il successo che ne derivò, a quanto raccontano le cronache del tempo, fu sbalorditivo e la nostra artista ebbe un fulmineo, anche se breve momento di gloria.
​Già l’anno successivo, infatti, la concorrenza spietata di altre cantanti di varietà spinse la delusa ragazza a tornare al suo pubblico parigino. La canzone, però, le sopravvisse molto più a lungo, tanto da diventare una delle più classiche e celebri canzoni da varietà, cavallo di battaglia di tante altre cantanti avvenenti e maliziose.


L’autore: PASQUALE MARIO COSTA
(Taranto, 1858 – 1933)

Un vero colosso della canzone napoletana al quale dobbiamo straordinari successi musicali. Appartenente ad una famiglia di musicisti, compose le sue prime romanze mentre frequentava il Conservatorio di S. Pietro a Majella.. Fu Martino Cafiero, uno dei più stimati giornalisti napoletani dell’epoca, che gli propose di musicare una poesia di Salvatore Di Giacomo – allora alle prime armi -: Nannì (1882).
Il successo non fu immediato, ma a distanza di pochi mesi scoppiò come una bomba e tutta Napoli cantava la canzone che, vincolando i due artisti in una amicizia cordiale, segnava l’inizio di una collaborazione che doveva dare al mondo i più bei canti di Napoli e alla canzone stessa nuovo impulso e nuova formula.
A ventitrè anni aveva riscosso grandissimi successi alla Corte di Spagna con la sua Napulitanata, che gli valse altresì la Commenda dell’Ordine di Isabella la Cattolica ed una fotografia dell’Infante Donna Eulalia. Aveva una bella voce di tenore leggero e quando nei salotti cantava la sua romanza da camera Serenata medievale, o le sue canzoni in voga. accompagnandosi al pianoforte, conquistava immediatamente presenti.
Scrisse, talvolta, lui stesso versi efficaci, anche se non perfetti, per le sue musiche. Fra queste composizioni, sei o sette, si ricorda: ‘A frangese, che, cantata dalla parigina Armand Ary, al Circo delle Varietà, mandò in visibilio i napoletani e, nello spazio di pochi mesi, fu tradotta in numerose lingue per l’esecuzione in Europa e in America. Sposò la napoletana Carolina Sommer, bellissima figlia del noto antiquario-fotografo di piazza Vittoria. Visse a lungo a Londra e a Parigi, dove compose la pantomima Hisfoire d’un Pierrot, replicata centinaia e centinaia di volte, ma che gli fruttò solo 366 lire, avendo ceduti tutti i diritti ad un editore di Parigi.
​Morì a Montecarlo col desiderio di rivedere Napoli, la città che lo aveva visto studente, che lo aveva ospitato per oltre vent’anni nei più eleganti salotti, e che gli aveva decretato la celebrità: la città che lo avrebbe annoverato fra i suoi più grandi figli adottivi.



​’A FRANGESA

(Pasquale Mario Costa, 1893)

Songo frangesa e vengo da Parigge:
Io só’ na chiappa ‘e ‘mpesa,
ve ll’aggi”a dí!
Pe’ cumminciá, sapite…
no, nun ve vrucculiate,
io ‘o tengo ‘o ‘nnammurato…
cu me nun c’è che fá!

Oh!..Oh!..Oh!..Oh!..Oh!..Oh!..Oh!..
Ma vuje mo che vulite?
Ve prego ‘e nun gridá!
Oh!..Oh!..Oh!..Oh!..Oh!..Oh!..Oh!..
Si vuje nun ‘a fenite,
‘un pòzzo cchiù cantá!

Io sóngo bona ma só’ ‘ntussecósa…
vurría sapé na cosa, ma ‘a veritá:
Certo mme cuffiate,
veco ca mo redite,
Pecché mme lu ffacite?
Gué jammo a franco ‘o ssá’?!

Oh!..Oh!..Oh!..Oh!..Oh!..Oh!..Oh!..
Ma vuje pecché redite?
Ve piace ‘e ve spassá!?
Oh!..Oh!..Oh!..Oh!..Oh!..Oh!..Oh!..
Si vuje nun ‘a fenite,
‘un pòzzo cchiù cantá!

Aggio viaggiato
e saccio tutto ‘o munno,
ma stu cielo affatato,
sta sulo ccá!…
‘A gente ride e canta
e ghiètta a mare ‘e guaje…
Napule è bella assaje:
I’ ccá voglio restá…

Ah!..Ah!..Ah!..Ah!..Ah!..Ah!..Ah!..
Spassámmoce e redimmo,
si lu pputimmo fá…
Ah!..Ah!..Ah!..Ah!..Ah!..Ah!..Ah!..
Nuje mo nce cunuscimmo
e ghiammo a franco ‘o ssá’!…


​COMPAGNIA
I Girovaghi dell’Arte

REGIA
Egidio Del Giudice
Gianni Migliaccio

COREOGRAFIE:
Alba Del Giudice

ATTORI
Egidio Del Giudice
Gennaro Tammaro
Dora Manna
Antonio Botta
Marilena Marotta
Maria Rosaria Zannella
Marco Iaccarino
Gianni Migliaccio
Ilaria Gomez
Rosario Mauriello

Claudia Errico
Alba Del Giudice
Gianni Pastore
Carmela Massaro

You might be interested in