BAGNO VIGNONI (Toscana)


Nel cuore della campagna toscana, attorniato da uno dei panorami più dolci e affascinanti del nostro paese, andiamo alla scoperta di Bagno Vignoni, un microscopico borgo medievale, dove la classica piazza del paese è sostituita da una grande vasca d’acqua. E non un’acqua qualunque, ma una calda e termale, che possiede stupende proprietà curative.

La pace della superficie, infatti, nasconde il continuo ribollire delle acque sottoterra. Siamo nella zona del monte Amiata, che è di origine vulcanica, e i vapori che escono dalla vasca rimandano a  migliaia di anni fa, quando un inferno di lava doveva costituire il panorama normale..

Col passare dei secoli, l’attività vulcanica in questo territorio si è ridotta; le lave si sono solidificate e l’acqua, arricchita dai preziosi sali minerali del sottosuolo, è divenuta una fonte gradita e benevola.

Se ne servirono già gli etruschi, e poi i romani e persino Lorenzo il Magnifico, si dice, ne fu un estimatore.

Dovette rallegrarsi alla vista della piazza d’acqua calda anche la folla di viaggiatori del medioevo che percorreva la via Francigena, la via dei pellegrini e che passava proprio nei suoi pressi. E per chi da nord, attraverso Siena, scendeva a Roma, Bagno Vignoni dovette diventare una tappa obbligata del faticoso viaggio.

Oggi non si può fare il bagno nella vasca, ma si potrà sfruttare un vicino stabilimento termale che permetterà di curare il corpo in un ambiente rilassante e unico.

You might be interested in