BAMMENELLA (Elena Bonelli)

E’ stupenda questa canzone del grande Raffaele Viviani, che denota tutta l’anima del grande poeta e commediografo che seppe come pochi intepretare l’”anima” vera della sua città, Napoli.
Il pezzo fu cantato dalla prostituta Ines, uno dei personaggi della commedia di Raffaele Viviani “‘A notte“, andata in scena nel 1918, commedia ambientata nel popolare quartiere napoletano di Toledo (tanto che in seguito il lavoro sarà chiamato “Toledo di notte“). La musica fu tratta da Viviani da un valzer di successo e fu scritta fin dal 1915.

Picture


​L’INTERPRETE: Elena Bonelli

Attrice e cantante Elena Bonelli si è esibita nei teatri più prestigiosi di oltre 130 paesi del mondo, dalla Carnegie Hall di New York al teatro degli Champs Elysèe, dal Palazzo dell’Onu all’Auditorium di Tokyo.
È la voce ufficiale dell’Inno di Mameli, cantato ai Mondiali in Corea in mondovisione. Ha inciso inoltre “La douce France di Juliette Grèco”, con classici dell’esistenzialismo francese; “Napoli. Nà!” con le più belle melodie della tradizione napoletana e “Tanto pe’ cantà – Canzoni Romane”,  distribuito da Rai Trade. 
BAMMENELLA (Raffaele Viviani – 1915)

Só’ “Bammenella” ‘e coppe Quartiere:
pe’ tutta Napule faccio parlá,
quanno, annascuso, pe vicule, ‘a sera,
‘ncoppo pianino mme metto a ballá…

Vene ‘ambulanza?…
‘Int’a niente mma squaglio!
E, si mm’afferra, mme torna a lassá!
‘Ncoppa quistura, si ê vvote ce saglio,
è pe’ furmalitá…

Cu ‘a bona maniera,
faccio cadé ‘o brigatiere…
piglio e lle véngo ‘o mestiere:
dico ca ‘o tengo ccá…

‘O zallo so ‘mmocca,
ll’avota ‘a capa e s’abbocca…
ma, nun appena mme tocca,
mme n’ha da manná!

Mme fanno ridere cierti pperzone
quanno mme diceno: “Penza pe’ te…”
Io faccio ‘ammore cu ‘o capo guaglione
e spènno ‘e llire po fá cumparé…

Stó’ sotto ‘o dèbbeto, 
chisto è ‘o destino…
ma c’è chi pava pirciò lassa fá…
Tengo nu bellu guaglione vicino
ca mme fa rispettá!

Chi sta ‘into peccato,
ha da tené’ ‘o ‘nnammurato.
ch’appena doppo assucciato,
s’ha da sapé appiccecá…

E tutte sserate,
chillo mm’accide ‘e mazzate!
Mme vò’ nu bene sfrenato,
ma nun ‘o ddá a paré’!…

Mo só’ tre mise ca ‘o tengo malato;
sacc’io che spènno pe’ farlo saná!
Però, ‘o duttore, cu me s’è allummato:
pe’ senza niente mmo faccio curá…

E tene pure ‘o mandato ‘e cattura:
priesto, ‘ambulanza so vène a pigliá…
Io ll’aggio ditto: “Sta’ senza paura,
pe’ te, ce stóngo io ccá!…”

Cu ‘a bona maniera,
faccio cadé ‘o brigatiere,
Mentre io lle vengo ‘o mestiere…
isso, have ‘o canzo ‘e scappá…

Pe’ me, ‘o ‘ssenziale,
è quanno mme vasa carnale:
Mme fa scurdá tutto mmale
ca mme facette fá!…

You might be interested in