CICERENELLA (Ciccio Capasso)

Cicerenella (letteralmente “Piccolo cece”) è una canzone popolare napoletana scritta da autori ignoti nel XVII secolo e diffusasi in epoca romantica. È considerata una vera e propria tarantella, difatti nel corso dell’Ottocento fu diffusa col titolo specifico di Tarantella di Posillipo. La musica è caratterizzata dall’uso delle castagnette e dei tamburella.
Picture


​È stata reinterpretata da tutti i più grandi interpreti della canzone napoletana. Tra le più note, la versione di Roberto Murolo contenuta nella sua Napoletana – antologia della Canzone Napoletana, e quella più recente della Nuova Compagnia di Canto Popola-re, contenuta nell’album intitolato proprio Cicerenella, del 1972.

L’interprete:  CICCIO CAPASSO
​Ciccio Capasso è stato uno dei pochi interpreti che abbia saputo affrontare il repertorio tradizionale napoletano con una chiave interpretativa unica e originale, priva di orpelli e retorica e senza ricalcare schemi già collaudati.
La sua attività artistica inizia nel 1973 con Leo de Berardinis e Perla Peragallo, nomi tra i più importanti nel panorama del teatro sperimentale italiano. 
Picture


​Con Leo e Perla, Ciccio Capasso lavora al Teatro Regio di Parma, al Carignano di Torino, al San Ferdinando di Napoli, al Verdi di Salerno, al Morlacchi di Perugia, al Giacosa di Ivrea, al Comunale di Città di Castello ed ancora in moltissimi teatri d’Italia ed in Europa. 
Picture


​Dopo qualche anno, sempre con Leo e Perla, a Parigi riscuote un enorme successo di critica e di pubblico, ed infatti a Parigi la Compagnia è invitata per la seconda volta a rappresentare l’Italia al Teatro Mondiale delle Nazioni 1976-1977. Nel 1980 si dedica esclusivamente alla Canzone Classica Napoletana d’autore, di cui è un attento cultore e studioso oltre che un raffinato interprete. 

Ciccio Capasso è stato anche compositore di canzoni, con versi quasi sempre in dialetto, forma a lui più congeniale ed espressiva.
Nel 1988 è stato uno dei maggiori protagonisti nelle “Serate allo storico Caffè Gambrinus di Napoli”, ideate e condotte da Giuliana Cesarini. 
Nei suoi concerti-recital ha interpretato i brani di autori ignoti che hanno segnato nell’Ottocento l’epoca d’oro della canzone napoletana. Il suo repertorio è stato vastissimo. Gli autori che ha presentato sono, tra gli altri, Mercadante, Di Lasso, Vinci, F. P. Tosti, Di Giacomo, Viviani, Bovio, Nicolardi, Russo E.A. Mario, Murolo, Gambardella, Staffelli, Cannio, Denza, G.B. De Curtis, Galdieri, Falvo, Totò.
​E’ scomparso, dopo una lunga malattia, nel 2014.

Cicerenella mia, si’ bona e bella!
Cicerenella tenéa nu ciardino
e ll’adacquava cu ll’acqua e lu vino…
Ma ll’adacquava po’ senza langella…
Chist’è ‘o ciardino de Cicerenella… 

Cicerenella teneva na gatta
ch’era cecata e purzí scontraffatta…
La strascenava cu meza codella…
Chest’è la gatta de Cicerenella… 

Cicerenella teneva nu gallo
e tutta la notte nce jéva a cavallo…
Essa nce jéva po’ senza la sella…
E chisto è lo gallo de Cicerenella… 

Cicerenella teneva nu ciuccio
e ll’avéa fatto nu bellu cappuccio…
Ma nu teneva né ossa e né pelle…
Chisto è lu ciuccio de Cicerenella… 

Cicerenella tenéa na gallina
che facéa ll’uovo de sera e matina…
Ll’avéa ‘mparata a magná farenella…
Chest’è ‘a gallina de Cicerenella…
Cicerenella tenéa na pennata,
e, tutta la notte, steva allummata…
E ll’allummava co la lucernella…
Chesta è ‘a pennata de Cicerenella… 

Cicerenella teneva na vótte:
mettea da coppa e asceva da sotto…
E nun ce steva tompagno e cannella…
Chesta è la vótte de Cicerenella… 

Cicerenella tenéa na remessa
e nce metteva cavallo e calesse…
E nce metteva la soja tommonella…
Chesta è ‘a remessa de Cicerenella… 

Cicerenella tenéa na tièlla,
frijeva ll’ove cu la mozzarella…
e le ffrijeva cu la sarcenella…
Chesta è ‘a tièlla de Cicerenella…
Cicerenella mia, si’ bona e bella

You might be interested in