CYBEROMA: il Tabularium

Regia: Gigi Oliviero


Il filmato è tratto da “CYBEROMA” scritto e diretto da Gigi Oliviero, un grande documentario archeologico sulla Roma Antica, che vita la zona archeologica centrale di Roma (Foro Romano, Fori Imperiali, Palatino e Colosseo) con spettacolari ricostruzioni grafiche in 3D dei principali monumenti. Il filmato è presentato e commentato (anche in video) da Claudio Capone, celeberrima voce televisiva di Quark.


        


Nel II sec. d.C. Roma era una città immensa per l’epoca, con oltre un milione di abitanti, attiva e caotica, bellissima e regale: la vera capitale del mondo antico. Il cuore della città era la zona che corrisponde a quella oggi occupata dai resti del Foro Romano, dei Fori Imperiali, del Palatino e del Colosseo. Qui si svolgeva la vita pubblica della città, si riuniva il Senato, si celebravano i grandi processi pubblici, si organizzavano imponenti spettacoli. E qui vivevano gli imperatori, i potenti della Terra di allora.

Il TABULARIUM era l’Archivio di Stato della Roma Repubblicana. In questi ambienti erano conservati tutti i grandi segreti della politica del tempo.


  

L’edificio era l’unico palazzo di età repubblicana giunto sino a noi e fu eretto da Quinto Lutazio Catulo nell’83 a.C., durante la dittatura di Silla. Il palazzo, inserito nella collina del Campidoglio, era costruito interamente in tufo e peperino ed era articolato in più piani. La galleria del primo era divisa in settori, ognuno dei quali era coperto con una volta a padiglione e si apriva verso l’esterno con un’arcata inquadrata da semicolonne doriche. L’architrave sovrastante era in travertino ed era sormontata da un fregio dorico a metope e triglìfi. Il piano superiore, crollato durante il Medioevo, doveva essere molto spettacolare, e consisteva in una galleria alta 13 metri e sorretta da 12 possenti colonne corinzie.


You might be interested in