EFESO (Turchia)

Regia: Gigi Oliviero


Èfeso fu una delle più grandi città ioniche in Anatolia, situata in Lidia alla foce del fiume Caistro, sulla costa dell’odierna Turchia e città natale dello scrittore Androne di Efeso, autore di un’opera sui Sette Sapienti. La città si trovava in quella che è l’attuale Turchia,  approssimativamente fra le città di Smirne e Aydin.

Fu un importante e ricco centro commerciale e dal 29 a.C. fu la capitale della provincia romana d’Asia. Tra le rovine, che ne fanno uno dei più noti siti archeologici del Mar Mediterraneo, sono degne di nota quelle del Teatro, del piccolo Tempio di Adriano, della Biblioteca di Celso e dei numerosi stabilimenti di bagni pubblici.


L’Agorà commerciale rappresentava il vero centro della città. Si tratta di una grande piazza quadrata (tetragona) monumentalizzata a partir dall’età di Augusto grazie anche all’intervento di evergeti locali. In età neroniana fu costruita una via porticata che conduceva al vicino teatro.

Ridotte a una singola colonna sono invece le testimonianze di quello che fu il più celebre monumento di Efeso, e secondo Pausania il più grande edificio del mondo antico: il Tempio di Artemide, una delle Sette meraviglie del mondo, raso definitivamente al suolo nel 401 per ordine di Giovanni Crisostomo, arcivescovo di Costantinopoli. Efeso è stata la terza città più potente del mondo antico dopo Roma e Alessandria d’Egitto

L’Agorà civile Si tratta di una piazza di 160×58 m. con l’asse lungo orientato a sud-ovest. La sistemazione risale all’epoca di Augusto: il lato nord prevedeva una lunga stoà-basilikè, una basilica, un edificio a tre navate dedicato tra il 4 e il 14 a.C. ad Artemide, Augusto e Tiberio da parte di un ricco evergete locale, C. Sextilius Pollio.

Adiacente alle terme del porto vi è il singolare Portico di Verulanus: un enorme piazzale con funzione di palestra, quadrato e circondato da portici, costruita al tempo di Adriano. In altri quartieri periferici a nord e a est vi erano le terme di Vedius, del Teatro e quelle orientali.


Serie: Il Passato racconta
Regia: Gigi Oliviero
Prodotto da: Pier Danio Forni
Produttore esecutivo:
Maurizio Oliviero
Fotografia:
Roberto Mezzabotta – Emilio Navarino
Montaggio: Valter Cappucci
Musiche originali: Gregorio Cosentino
Testi:
Fernando Lizzani-Chiara Giancarlini
Consulenza storica: Pier Giorgio Monti
Computer grafica: Massimo My
Voce: Claudio Capone
Voce narrante: Claudio De Davide
Riprese: Efeso (Turchia)
Durata: 29’30”
Produzione: Chicane Srl

You might be interested in