FONTI DEL CLITUNNO (Umbria)

Difficilmente il piccolo fiume Clitunno, nel cuore della terra umbra, avrebbe mai avuto una fama turistica come quella di oggi, se non possedesse una delle sorgenti più affascinanti e suggestive del nostro paese.

La bellezza straordinaria del luogo dovette contagiare già gli antichi abitatori di questa terra, i quali resero sacro il luogo dedicandolo a un dio, cui assegnarono lo stesso nome, costruendovi persino un Santuario, che ebbe una certa notorietà a motivo dei suoi oracoli. Le acque, purissime, rendevano candidi i buoi destinati al sacrificio, e l’ambiente tutto doveva contribuire alla sacralità del luogo.

Queste limpide acque furono amatissime in epoca romana, al di là del Santuario. Le citarono Virgilio, Properzio, Plinio il Giovane (che pure aveva, nella vicina Città di Castello, terra e villa). E in tempi più recenti dedicarono loro appassionati versi Byron e Carducci.

Oggi i laghetti formati dalle sorgenti, incastonati in una vegetazione rigogliosa e verdissima, costituiscono una bellissima passeggiata, che completa quasi sempre la già ricca visita alla vicina Spoleto, e permettono, nonostante l’inevitabile afflusso turistico, di godere di una pace e uno spettacolo naturale unici.

You might be interested in