I TE VURRIA VASA’ (Ciccio Capasso)

Picture

Il musicista:
​EDUARDO DI CAPUA
(Napoli, 1865 – 1917)

L’autore della stupenda musica di questa canzone divenuta oramai immortale è il grande Eduardo Di Capua, che appena un anno prima aveva composto addirittura “‘O sole mio“! Ma malgrado gli strepitosi successi Di Capua non riusciva proprio a sbarcare il lunario (i diritti d’autore ero lontani da venire…) e così, per tirare avanti la baracca, si era gettato nella napoletanissima arte della cabala, cioè tentava sempre la fortuna al lotto. Un giorno un amico gli indicò un nuovo “assistito”, cioè una di quelle persone che la gente riteneva in grado di “dare i numeri”, cioè predire terni e quaterne. Così il musicista si trovò a casa di Vincenzo Russo, smunto e pallido, che naturalmente non gli azzeccò alcun numero, ma gli fornì testi straordinari per bellissime canzoni.

Picture

Il poeta: VINCENZO RUSSO
Era povero e semianalfabeta, Vincenzo Russo, uno dei più grandi poeti che l’anima di Napoli abbia avuto (autore, fra l’altro, di “Maria Marì“) eppure riuscì a farsi stimare al punto che un giorno, avendo chiamato “Maestro” a una riunione il famoso poeta Ernesto Murolo, si vide trarre in disparte da questi che lo rimproverò bonariamente, dicendogli: “Russo, chi ha scritto canzoni come le vostre non deve chiammà Maestro nessuno!”.
E non aveva torto. Vincenzo Russo, infatti, un umile e modesto guantaio, pur se semianalfabeta e gracilissimo di salute (morirà di tisi a soli 28 anni!) è sicuramente una delle voci più spontanee e pure della poesia di Napoli, un talento istintivo e profondissimo a cui di debbono liriche di grande valore e sentimento, come questa celeberrima  “I’ te vurria vasà“.
Sembra che Russo abbia scritto i versi della canzone per una bellissima ragazza, Enrichetta Marchese, figlia di un gioielliere che ostacolava in tutti i modi il loro amore.

Picture

L’interprete: CICCIO CAPASSO
Ciccio Capasso è stato uno dei pochi interpreti che abbia saputo affrontare il repertorio tradizionale napoletano con una chiave interpretativa unica e originale, priva di orpelli e retorica e senza ricalcare schemi già collaudati. 
La sua attività artistica inizia nel 1973 con Leo de Berardinis e Perla Peragallo, nomi tra i più importanti nel panorama del teatro sperimentale italiano.
Picture


​Con Leo e Perla, Ciccio Capasso lavora al Teatro Regio di Parma, al Carignano di Torino, al San Ferdinando di Napoli, al Verdi di Salerno, al Morlacchi di Perugia, al Giacosa di Ivrea, al Comunale di Città di Castello ed ancora in moltissimi teatri d’Italia ed in Europa. 
Picture


​Dopo qualche anno, sempre con Leo e Perla, a Parigi riscuote un enorme successo di critica e di pubblico, ed infatti a Parigi la Compagnia è invitata per la seconda volta a rappresentare l’Italia al Teatro Mondiale delle Nazioni 1976-1977. Nel 1980 si dedica esclusivamente alla Canzone Classica Napoletana d’autore, di cui è un attento cultore e studioso oltre che un raffinato interprete.
Ciccio Capasso è stato anche compositore di canzoni, con versi quasi sempre in dialetto, forma a lui più congeniale ed espressiva.
Nel 1988 è stato uno dei maggiori protagonisti nelle “Serate allo storico Caffè Gambrinus di Napoli”, ideate e condotte da Giuliana Cesarini.
Nei suoi concerti-recital ha interpretato i brani di autori ignoti che hanno segnato nell’Ottocento l’epoca d’oro della canzone napoletana. Il suo repertorio è stato vastissimo. Gli autori che ha presentato sono, tra gli altri, Mercadante, Di Lasso, Vinci, F. P. Tosti, Di Giacomo, Viviani, Bovio, Nicolardi, Russo E.A. Mario, Murolo, Gambardella, Staffelli, Cannio, Denza, G.B. De Curtis, Galdieri, Falvo, Totò. 

​E’ scomparso, dopo una lunga malattia, nel 2014.

‘I TE VURRIA VASA’

Ah! Che bell’aria fresca…
Ch’addore ‘e malvarosa…
E tu durmenno staje,
‘ncopp’a sti ffronne ‘e rosa!
‘O sole, a poco a poco,
pe’ stu ciardino sponta…
‘o viento passa e vasa
stu ricciulillo ‘nfronte!

I’ te vurría vasá…
I’ te vurría vasá…
ma ‘o core nun mm”o ddice
‘e te scetá…
‘e te scetá!…
I’ mme vurría addurmí…
I’ mme vurría addurmí…
vicino ô sciato tujo,
n’ora pur’i’…
n’ora pur’i’!…

Tu duorme oje Rosa mia…
e duorme a suonno chino,
mentr’io guardo, ‘ncantato,
stu musso curallino…
E chesti ccarne fresche,
e chesti ttrezze nere,
mme mettono, ‘int”o core,
mille male penziere!

I’ te vurría vasá…
……………………….

Sento stu core tujo
ca sbatte comm’a ll’onne!
Durmenno, angelo mio,
chisà tu a chi te suonne…
‘A gelusia turmenta
stu core mio malato:
Te suonne a me?…Dimméllo!
O pure suonne a n’ato?

I’ te vurría vasá…

You might be interested in