iCorti: L’ASCENSORE

 


Titolo:  L’ASCENSORE
Regia: Stefania Fideli
Con: Pieraldo Ferrante, Linda Manganelli
Anno: 2012 – Durata: 4’35”

TRAMA: Il tema è un classico: l’ascensore si ferma all’improvviso col suo carico umano che, di fronte alla claustrofobica emergenza, tira fuori da sé tutto il peggio.


Prodotto da: LIBERA UNIVERSITA’ DEL CINEMA DI ROMA (L.U.C.) – Via di Villa Belardi, 44 – 00154 Roma – Tel. 06.45434932 – 349.7123993

La Scuola nasce nel 1983 dalla volontà di alcuni cineasti che hanno fatto la storia del Cinema come Cesare Zavattini, Alessandro Blasetti, Leonviola e Sofia  Scandurra, per formare nuovi registi del cinema professionale.

Da anni la LUC si occupa di formare ragazzi giovani nel campo cinematografico permettendo loro di provarsi, sbagliare, correggersi e riuscire, collaborando con i docenti al nostro unico obiettivo:”formare un regista!”. Una scuola pratica dove “IL CINEMA S’IMPARA FACENDOLO”, sotto la guida di docenti, tutti professionisti, che operano da oltre trent’anni nel settore cinematografico e televisivo.

Tra i nostri docenti annoveriamo alcuni vincitori di importanti premi, come il David di Donatello, il Leone d’Oro di Venezia e alcune Nomination all’Oscar.

                                        ​www.universitadelcinema.it –  info@universitadelcinema.it   –   Vai al promo della Scuola 

               Sofia Scandurra         


   


Foto

Il giudizio di GIGI OLIVIERO


​Un corto “leggero leggero”, senza infamia e senza lode. L’ascensore che si blocca, con tutti i risvolti claustrofobici che comporta, è un argomento sfruttato mille volte, e l’obbligatoria brevità del filmato impedisce ovviamente di cercare sviluppi più articolati dei personaggi.
​E’ comunque girato e montato bene (l’autore è certo già padrone del linguaggio filmico), soprattutto pensando alla difficoltà di operare in un ambiente microscopico (una chicca che immagino noti solo un addetto ai lavori è lo specchio, che riflette i personaggi ma non la telecamera, ovviamente tenuta al buio).
Un solo consiglio. Evitate di montare immagini sfocate. Lo so che quando si è costretti a operare al limite del fuoco per mancanza di spazio la cosa può capitare, ma allo spettatore delle difficoltà di ripresa non importa proprio nulla. Errore è e errore resta…
VOTO: **


You might be interested in