NA SERA ‘E MAGGIO (Elena Bonelli)

Fu l’ultimo, appassionato canto di Napoli prima del baratro buio della guerra, questo celeberrimo pezzo che contiene tutta l’arte, la passione, la poesia che il popolo napoletano sa esprimere.  La meravigliosa musica di Giuseppe Cioffi  (l’indimenticabile autore di “Scalinatella” e “Dove sta Zazà“) fu mirabilmente verseggiata, nel 1937,  da Luigi Pisano, autore di oltre mille canzoni napoletane, musicate dai più grandi compositori del secolo e si riferisce ad un amore giurato nel mese di maggio, un periodo in cui, a Napoli, i giuramenti sono sacri.

Il video della canzone è tratto dal film “NAPOLI.NA’!, diretto da Gigi Oliviero e interpretato da Elena Bonelli.
Una splendida carrellata sulla musica napoletana, con tutte le più celebri canzoni napoletane interpretate da Elena nei luoghi del golfo dove nacquero e sono ambientate. Completa il cast Egidio del Giudice e un bellissimo gruppo di giovanissimi ballerini napoletani.


Picture

Il poeta:
GIGI PISANO

(Napoli. 1889 – 1973)


Debuttò, in qualità di fine dicitore comico, all’età di 15 anni, alla Sala Umberto di Napoli, dove, per il successo ottenuto, rimase scritturato per tre anni. Poi spicca il volo verso teatri più importanti. Durante una tournée, fa conoscenza con l’attore Cesarino Faras, che si avviava anch’esso verso la notorietà, e insieme decidono di mettere su un numero spettacolare. 
Si forma, così, il duo “L’uno e l’altro”. Le scritture fioccano e il nome del duo diventa popolare. Dopo diversi anni si separa da Faras; canta da solo, indi viene ingaggiato, in qualità di primo attore, nella compagnia di Raffaele Viviani. Resta per sette anni accanto al grande artista. Viviani l’apprezza e insieme scrivono un lavoro: ‘O spusalizio, che va a far parte del repertorio della compagnia. Nel 1920 il Pisano ne forma una, con Faras e Mario Mari: “La R.O.S.E.A” e mietono consensi, particolarmente con la rivista Tutti in cupola. 
Nel 1923, cedendo alle affettuose insistenze del collega e amico Franco Fortezza scrive la sua prima canzone : Tendina rossa, per la musica dello stesso Fortezza. L’orizzonte di Pisano si allarga, e a poco a poco, la canzone, ultima arrivata, prende il primo posto nella operosa giornata del nostro autore. Nel 1927, dopo aver scritto versi per musica di E. A. Mario, Nicola Valente, Rodolfo Falvo ed altri, dà inizio, e durerà oltre vent’anni, alla sua collaborazione con Giuseppe Cioffi. Una collaborazione ammirata e feconda di frutti. 
In particolare, crearono numerose macchiette che dovevano alimentare felicemente il repertorio di Nino Taranto, e scrissero l’intramontabile melodia Na sera ‘e maggio. La sua produzione – senza contare lavori teatrali e soggetti cinematografici – è di circa mille canzoni fra cui molte fanno parte del nostro repertorio classico. Ha partecipato numerose volte al Festival di Napoli.

Il musicista: GIUSEPPE CIOFFI
(Napoli, 1901 – 1980)

Fu un prodigioso creatore di bella musica. Scrisse centinaia di canzoni, alcune delle quali sono annoverate fra i più grandi successi di Napoli. Inesauribile fu la sua attività. Collaborò coi più grandi artisti di Napoli e soprattutto con la grande edizione La Canzonetta ebbe modo di dividere la sua arte con colleghi illustri. Importante è la sua collaborazione con Gigi Pisano, col quale compose alcune delle più divertenti “macchiette” di Napoli, cioè canzoni umoristiche destinate a un pubblico scanzonato. Fondò una sua casa editrice, compose due opere liriche e ha partecipato con successo a innumerevoli Festival della Canzone Napoletana.


NA SERA ‘E MAGGIO
(Cioffi-Pisano, 1937)

Quanno vien’a ‘appuntamento
guarde ‘o mare, guard”e ffronne,
si te parlo nun rispunne,
staje distratta comm’a che.
Io te tengo dint”o core,
sóngo sempe ‘nnammurato
ma tu, invece, pienze a n’ato
e te staje scurdanno ‘e me…

Quanno se dice: “Sí!”
tiènelo a mente…
Nun s’ha da fá murí
nu core amante…
Tu mme diciste: “Sí!” na sera ‘e maggio…
e mo tiene ‘o curaggio ‘e mme lassá?!

St’uocchie tuoje nun só’ sincere
comm’a quanno mme ‘ncuntraste,
comm’a quanno mme diciste:
“Voglio bene sulo a te…”
E tremmanno mme giuraste,
cu na mano ‘ncopp”o core:
“Nun se scorda ‘o primmo ammore!…”
Mo te staje scurdanno ‘e me…

Quanno se dice: “Sí!”
tiènelo a mente…
Nun s’ha da fá murí
nu core amante…
Tu mme diciste: “Sí!” na sera ‘e maggio…
e mo tiene ‘o curaggio ‘e mme lassá?!

You might be interested in