NAPOLI: Museo Archeologico


Una visita da non perdere in un viaggio a Napoli è quella al Museo Archeologico Nazionale, al cui interno è conservata una delle più importanti collezioni di opere antiche del mondo. Molte delle opere esposte provengono dagli scavi di Ercolano e Pompei e molte altre appartengono alla collezione che fu della famiglia Farnese.

Il museo conserva una sezione molto particolare, chiamata “Gabinetto Segreto”, che conserva numerose, splendide opere di arte erotica provenienti dagli scavi di Pompei ed Ercolano.

Si tratta ovviamente di opere che, un secolo fa, apparvero molto audaci, al limite della pornografia, tanto che la collezione fu chiusa al pubblico fino agli anni ’50. Anzi, la sala fu addirittura murata. E ancor oggi (forse caso unico al mondo per un museo archeologico) la sua visita è sconsigliata, se non addirittura proibita, ai minori.

Ecco allora un campionario di incontri e accoppiamenti, sia naturali che legati alla mitologia. Come questa bellissima statua, rinvenuta nella Villa dei Papiri di Ercolano, nel 1752, che rappresenta una colta e raffinata evocazione del mondo primitivo e selvaggio di Pan, il dio dei boschi assimilato al latino Fauno.

E ancora il meraviglioso tripode rinvenuto nella Villa di Giulia Felice. Di grande valore, infine, una ricca collezione di statuine (spesso in forma di sonagli), tutte esibenti enormi falli, rappresentati in ogni maniera simbolica.

E poi lo splendido affresco di una Venere in conchiglia e un’altra deliziosa statua con una fanciulla in bikini…

You might be interested in