NAPULE CA SE NE VA (dal musical “Ritorna Piedigrotta”)

E’ stato un tema ricorrente della canzone napoletana quello di guardarsi alle spalle, rimpiangere un passato che (non si sa bene perché) sembra sempre migliore del presente.
Qui siamo nel 1920, un’epoca che ai nostri occhi ricorda una vita più serena e meno caotica della nostra, ma in cui un grande poeta, Ernesto Murolo, guarda a un passato ancora più lontano con gli occhi della nostalgia. Ecco allora questi versi, che ricordano quadri ottocenteschi: cene allegre, le comitive e le gite in barca, i riti e le usanze del popolo povero, ma felice della fine ‘800. E su tutto la Luna, immobile e calma, che contempla la città che si trasforma, al ritmo di un nostalgico ritornello. Fu Ernesto Tagliaferri (l’autore di “Piscatore ‘e Pusilleco”) a comporre una musica (divenuta celebre) che si adatta perfettamente al bellissimo testo.

​Una canzone tratta da uno splendido spettacolo musicale, “RITORNA PIEDIGROTTA”, interpretato da un gruppo di giovani artisti napoletani, “I Girovaghi dell’Arte“.

Il lavoro, scritto e diretto da un geniale autore napoletano,  Egidio del Giudice, ripropone, in chiave musicale, una delle più antiche e sentite feste di Napoli,
quella, appunto, di “Piedigrotta”, che risale addirittura al 1200,
anche se, da secoli, ha perso lentamente Il valore “popolare” da cui nasceva,
per spegnersi inevitabilmente con l’avvento del progresso.

Un progresso che, nella rappresentazione, diventa il nemico di Pulcinella, la classica maschera napoletana, che si rifiuta di uscire dal suo sogno, nel nomo di un avanzare dei costumi e delle mode che non appartengono più all’anima vera della vecchia Napoli.


Picture

Il poeta
ERNESTO MUROLO 

(Napoli 1876 – 1939)

E’ non soltanto un poeta cordiale, bensì pittorico, dalla meravigliosa tavolozza, dove si amalgamano tutte le sfumature e dove toni e semitoni acquistano risonanze mai udite. Tutta la sua poesia è colorata: ecco le sue masserie ampie e verdi come un sogno sereno, i suoi giardini cosparsi di fiori vividi e profumati, le casettine “pittate” in rosa, le strade di campagna grigie o assolate che si perdono nell’immensità agreste, le osterie rustiche col piccolo pergolato teso come un baldacchino di verde sull’allegria di cuori giovani e festanti, il terso rubino del vinello vesuviano a cui si accosta la bocca amata, e il colore del cielo e quello del mare. Colore e senso vivo della vita, l’attimo vissuto da vivere, il mondo color di rosa… Sono questi i motivi delle sue poesie e delle sue canzoni. Poeta nato, amò la sua Napoli teneramente, tenacemente, e seppe difenderne la sua arte con ardore appassionato. Ricco di nascita, senza musoneria, elegante, pieno di fascino e comunicativa, trionfò ovunque: nel giornalismo (collaborando a giornali umoristici e letterari); nel teatro (ove egli stesso, con maestria, metteva in scena i suoi lavori); nell’amore; nella canzone (dove collezionò successi per oltre trentacinque anni). E’ noto il suo periodo di pieno fulgore, quando, soprattutto con l’inseparabile amico Ernesto Tagliaferri, per oltre 16 anni produsse un’immensa quantità di canzoni indimenticabili.

Picture

Il musicista
ERNESTO TAGLIAFERRI
(Napoli, 889 – 1937)

La morte lo colse a tradimento, mentre il bagliore della sua celebrità ormai era esploso dappertutto. Fu un musicista meraviglioso, autore di infinite belle canzoni che rimarranno nel tempo a farlo ricordare come uno dei più grandi artisti che Napoli abbia mai avuto. Eccelse pure nella canzone in lingua e indimenticabili successi non gli mancarono, come “Racconto della nonna”, “Passa la ronda”, “Piccola Marion”, “Burattini”, “Menestrello d’aprile” ed infiniti altri. Trovò in Tom Gaeta il suo poeta italiano, e in Ernesto Murolo il suo più schietto canzoniere in dialetto napoletano. Ed ogni anno era un’affermazione nuova del potente armonioso binomio dei due Ernesti. Chi non ricorda “Piscatore ‘e Pusilleco”, “Napule”, “Nun me scetà”, “Napule ca se ne va”, “Quanno ammore vo’ filà”? Figlio del popolo (il padre aveva bottega di barbiere nel borgo San Antonio Abate), si diplomò in violino e passò presto alla composizione e alla direzione orchestrale. Giovanissimo, furoreggiò in tutti i varietà di Napoli e principalmente all’Eden ed alla Fenice. Durante la prima guerra mondiale fu visto in tenuta grigio-verde dirigere l’orchestra di quest’ultimo teatro, ove un pubblico entusiasta gli chiedeva ancora Italia mia, una delle sue prime canzoni, scritta nel 1911 per la campagna di Tripoli. Nel 1916, iniziò a collaborare con la Casa editrice Gennarelli per restarvi fino alla fondazione della Bottega dei 4, una sigla editoriale ideata da Libero Bovio, nel 1934, e che associava in una fraterna collaborazione lo stesso Bovio, Tagliaferri, Gaetano Lama e Nicola Valente. Egli dirigeva, come aveva fatto per la Gennarelli, tutti gli spettacoli per la presentazione delle nuove canzoni. Contemporaneamente era al teatro Nuovo, dove avevano grande successo le riviste di Galdieri, di Mangini e Nelli. Musicò alcune commedie di Ernesto Murolo: “Un’ora al San Carlino” (1919); “Napoli che ne va” (1919); “Mbraccia a te!” (1921) ed altre, un’operetta – in collaborazione con Nicola Valente – “Mugika” (1928). L’ultima sua canzone, che non riuscì a portare a termine, “Chitarra nera”, fu completata dai suoi amici Valente e Lama e presentata in teatro fra la più viva commozione del pubblico.

NAPULE CA SE NE VA!
di Murolo – Tagliaferri

E so’ sbarcate ‘nterra Marechiare
tre cumitive ‘e vascio ‘a Sanità.
So’ doie coppie ‘e ‘nnammurate,
doie maeste ncannaccate,
cu’ ‘e marite e nu cumpare
viecchio “cap’ ‘e suggità”.

E che tàvula spiciale:
‘nterra, ‘o cato cu ‘e frutte e ‘o vino
nu mellone dint’ ‘a cantina;
o cumpare, dint’ ‘a cucina
cu “discute” c’ ‘a “principale”.
E ‘a luna guarda e dice:
Si fosse ancora overo!
Chist’è ‘o popolo ‘e na vota!
Gente semplice e felice
Chitst’è Napule sincero
ca… pur’ isso se ne va!

Divotamente mo se fanno ‘a croce
– cumm’è l’usanza – primm’accummincià.
‘O cumpare ch’è ‘struito,
fa nu brinnese in pulito.
Lle risponneno – una voce –
tutt’ ‘a tavula “Addò va…”

‘A siè Rosa ca se cunzola
pe’ sti “suone” “ca so’ venute…
Pe’ ‘sta voce ch’è e “fina e bella”
p’ ‘a canzone, ch’è  “Palummella”

… Palummella ca zompa e vola…
E ‘a luna guarda e dice:
Si fosse ancora overo;
chist’é ‘o popolo ‘e na vota!
– gente semplice e felice –
Chist’é Napule sincero
Ca… pur’isso se ne va!

‘E tre ffamiglie tornano. Vucanno,
nu poca fatte a vvina tutt’ ‘e tre…
‘A varchetta ‘e cunnuléa…
‘Na maesta scapuzzéa…
‘O cumpare parla ‘e quanno…
quanno  ‘o guappo ‘ era nu rre…

E ffigliole, pe’ sottaviento,
ma se fanno na zuppetella
cu ‘e taralle ‘nt’ ‘a ll’acqua ‘e mare…
L’acqua, smoppeta fragne, e pare
ca ‘e manelle sò tutt’ ‘argiento…

E ‘a luna guarda e dice:
“Si fosse ancora overo!”
Chist’è ‘o popolo ‘e na vota!
– gente semplice e felice –
Chist’ è Napule sincero
Ca… pur’ isso se ne va!

You might be interested in