NINO OLIVIERO: Napule, sole mio

Questa bellissima canzone, un vero inno d’amore a Napoli, in tema con la più classica tradizione napoletana del passato, vinse il 3° premio al V Festival di Napoli.
​Ne è autore uno dei migliori musicisti napoletani del dopoguerra, Nino Oliviero (celebre autore di “Nu quarto ‘e luna”, “‘O ciucciariello”, “Giuvanne cu ‘a chitarra”) che scrisse il pezzo in collaborazione con uno dei più sensibili poeti napoletani,

Domenico Furnò (autore, fra l’altro, di una celebre canzone italiana, “Non ti scordar di me”). La canzone, di difficile e “potente” esecuzione, divenne uno dei cavalli di battaglia di alcuni dei  cantanti napoletani più dotati vocalmente soprattutto Giacomo Rondinella, che la lanciò al Festival e, in seguito, il bravissimo Nunzio Gallo.

Il poeta:
DOMENICO FURNO’

Con Napule, sole mio! apriamo una nuova finestra sui “rarissimi” dedicata, questa volta, al poeta Domenico Furnò. Nato a Napoli nel 1892, iniziò la sua carriera di poeta e canzoniere nel 1907, lavorando per alcuni tra i più grandi editori del suo tempo come Santojanni, Bideri, La Canzonetta ed E.A.Mario. Una carriera prolifera quella di Furnò che lo portò a scrivere oltre 800 canzoni. Eppure, si tratta di un autore troppo sottovalutato che l’Archivio Storico della Canzone Napoletana si propone di riscoprire anche grazie agli ascolti sul sito e a canzonenapoletana@rai.it, la trasmissione ospitata da Notturno Italiano sulle frequenze di Rai Italia Radio, dove a Furnò saranno dedicate 5 puntate. Iniziamo il nostro ciclo di ascolti con Napule, sole mio!, terza classificata al V Festival della Canzone Napoletana del 1957. Pubblicato dalla casa editrice Accordo, il brano fu musicato da Nino Oliviero e, nella versione che vi presentiamo, è interpretato dall’indi-menticabile Nunzio Gallo.

NAPULE SOLE MIO
(Nino Oliviero – Domenico Furnò – 1951)

Napule
nun c’é balcone senza sciure e rrose,
nun c’é figliola senza ‘o pizzo a rrisa,
nun ce sta core ca nun dice: Trase!
E arape ‘e braccia pure a chi è scurtese…
Chisto è ‘o paese mio, chisto é ‘o paese!

Napule, sole mio,
tu luce dint”a ll’uocchie ‘e tutt”o munno!
Cosa nun vista maje,
na primmavera sì: pure si é autunno!
Napule, sole mio,
tu lieve ll’odio e miette ‘a passione:
sulo cu nu mutivo ‘e na canzone!

You might be interested in