PIEREROTTA (dal musical “Ritorna Piedigrotta”)

Foto


LA CANZONE  E IL SUO AUTORE:
Armando Gill (Napoli, 1877 – 1945)


E’ una travolgente canzone composta da un celebre cantante-autore di fine ‘800, Michele Testa, in arte Armando Gill.
Gill fu un artista straordinario, Attore, cantante, fantasista, autore, poeta, ottenne agli inizi del ‘900 uno straordinario successo, avallato da un talento straordinario e da una capacità di stare in scena e conquistare il pubblico leggendaria.
Amava improvvisare, con una verve che faceva impazzire gli spettatori e provocò spesso imbarazzi anche a colleghi lontani e non meno celebri. Come Ettore Petrolini, che un aneddoto forse non troppo romanzato vuole che si scatenasse con lui in una gara di versi improvvisati. I due si erano incontrati al ristorante romano “Alfredo alla Scrofa” e, com’è intuibile, la gara coinvolse tutto il pubblico del ristorante. La storia vuole che fosse proprio Gill ad avere il sopravvento, quando il pur celebrato Petrolini si “arrese”, invitando simpaticamente il suo brillante collega al suo tavolo.
È unanimemente riconosciuto come il primo cantautore italiano, il primo a firmare musica e testi e a cantare i suoi brani, interpretati sia in napoletano sia in lingua, e da lui così annunciati: «Versi di Armando, musica di Gill, cantati da sé medesimo».


Il video è tratto da uno splendido spettacolo musicale, “RITORNA PIEDIGROTTA”, interpretato da un gruppo di giovani artisti napoletani, “I Girovaghi dell’Arte“.
Il lavoro, scritto e diretto da un geniale autore napoletano,  Egidio del Giudice, ripropone, in chiave musicale, una delle più antiche e sentite feste di Napoli, quella, appunto, di “Piedigrotta”, che risale addirittura al 1200, anche se, da secoli, ha perso lentamente Il valore “popolare” da cui nasceva, per spegnersi inevitabilmente con l’avvento del progresso.
Un progresso che, nella rappresentazione, diventa il nemico di Pulcinella, la classica maschera napoletana, che si rifiuta di uscire dal suo sogno, nel nomo di un avanzare dei costumi e delle mode che non appartengono più all’anima vera della vecchia Napoli.


PIEREROTTA (di Armando Gill)

Ah lariulì
Piererotta se fa accussì
Ah lariula
Piererotta che vo sunà
Ah lariulì
Piererotta se fa accussì
Ah lariula
Piererotta che vo sunà

Songhe stato a Piererotta
mmieze a chillu votta votta
feste e luci, cante e suone
mamma mia che frastuone
E na bella paisana
Quanta ruote e mulignane
e o guaglione ddo paese
se ne torna cu l’appesa

Ah lariulì
Piererotta se fa accussì

Ncoppo o carro dde balanze
de paranze e l’abbundanza
sei simpatiche guaglione
mamma mia quante so bbone
mieze e luce e chella luce
che risplenne arrete e annanza
ncoppo o carro dde balanze
quant’è bona l’abbundanza

Ah lariulì
Piererotta se fa accussì

Nanninella ddo mercato
cu Totore ‘o nnammurato
isso cu’na trumbettella
essa cu ‘na caccavella
int’o meglio dda nuttata
jenno a ffà primma a surata
cu na botta int’a pella
le scassaina ‘a caccavella

​Ah lariulì
Piererotta se fa accussì…
____________________________________

You might be interested in