RUMBA D’E SCUGNIZZE (dal musical “Storia di una magia”))

Assistiamo ad uno scatenato balletto con Elena Bonelli che ci canta, nelle stradine del mercato di Porta Capuana, aNapoli, una delle più travolgenti canzoni di Raffaele Viviani: ‘A rumba d’e scugnizze.

Si tratta di una sfrenata canzone, che comprende infiniti “lanci” urlati dai venditori più disparati, che rievoca la suggestiva confusione dei mercati napoletani e rappresenta una vera chicca per quel che riguarda il dialetto e le locuzioni più difficili del dialetto partenopeo. Una vera e rara occasione in cui la lingua diventa musica assoluta.

La canzone è tratta da uno splendido spettacolo musicale, “STORIA DI UNA MAGIA”, interpretato da un gruppo di giovani artisti napoletani,
“I Girovaghi dell’Arte
“.
Il lavoro, scritto e diretto da un geniale autore napoletano,  Egidio del Giudice, ripropone, in chiave musicale, una delle più antiche e sentite feste di Napoli, quella, appunto, di “Piedigrotta”, che risale addirittura al 1200, anche se, da secoli, ha perso lentamente Il valore “popolare” da cui nasceva, per spegnersi inevitabilmente con l’avvento del progresso.


L’autore: RAFFAELE VIVIANI
(Castellammare di Stabia, 1888-1950)


Un grandissimo artista della storia di Napoli. La sua arte scenica affascinò le masse ed elettrizzò prima le platee locali, poi quelle del mondo, dove portò il vero cuore e le sue grandezze, le sue miserie, la sua rassegnazione, la sua ribellione: quel misto che è il  poco o il molto di un popolo che ha una storia e un passato millenari. Teatro tutto suo, quello di Raffaele Viviani: strappato di netto alle radici della sua terra. Se l’attore domina il poeta, il poeta domina l’attore: si completano entrambi. Presa letterariamente, la poesia del Viviani è quella che è: riproduzione fedele della vita, degli usi e costumi del suo popolo, che amava d’intenso amore. Così nelle canzoni: è il cuore semplice di un uomo del popolo che canta e recita, rompe e impreca, e si lamenta e prega, e benedice, sull’altalena di un verso che, spesse volte rude, è pur sempre efficace, toccante, suadente. Aveva quattro anni quando debuttò in un teatrino d’infimo ordine: il Masaniello, a Porta Capuana (una baracca costruita dal padre, attrezzista teatrale), dove sostituì il cantante Carlo Ciofi, ammalatosi. L’anno dopo cantava da solo e a sua sorella Luisella, che divenne poi meravigliosa cantante e grande attrice della compagnia del fratello. Nel 1905 ottiene il suo primo strepitoso successo al teatro Petrella con la canzone ‘O scugnizzo, di Capurro e Buongiovanni, che poi fece sempre parte del suo repertorio. Da qui man mano conquista il pubblico dei maggiori teatri di varietà e di tutta la penisola. Nel dicembre 1917 forma la sua prima compagnia musicale napoletana e da allora, fino al 1945, la sua attività di capocomico e commediografo non ha più sosta ed ottiene un vero plebiscito di entusiasmo dal pubblico italiano ed estero. Nello stesso tempo pubblica libri di memorie, di poesie, di teatro. Già nel 1906 aveva scritto una risposta alla canzone in voga: Cara mammà, intitolandola: Caro Totò, e una macchietta: Fifì Rino, che ebbe successo sia nella sua interpretazione che in quella di altri comici dell’epoca. Successivamente diede il via ad un nuovo genere di macchietta, a tempo di marcia. Uno stile piacevole, che riempì il repertorio dei De Marco e dei Totò. Poi le canzoni, con musica tutta sua, non si contarono più. Le pubblicaro Bideri  col quale vinse un premio della “Tavola Rotonda”, nel 1912, con Ce vevo ‘a coppa  La Canzonetta e Gennarelli. Molte di esse furono inserite, e ne facevano parte delle belle commedie dello stesso Viviani.


RUMBA D’E SCUGNIZZE
(di Raffaele Viviani, 1915)

Chesta è ‘a rumba d”e scugnizze
ca s’abballa a tutte pizze…
Truove ‘e ddame, ‘mpizze ‘mpizze,
ca te fanno duje carizze
pe’ te fá passá ‘e verrizze…
Strette ‘e mane, vase e frizze…
Pruove gusto e te ce avvizze,
cchiù te sfrine e cchiù t’appizze…
Comm’a tanta pire nizze,
te ne scinne a sghizze a sghizze,
fino a quanno nun scapizze…
Chest’è ‘a rumba d”e scugnizze!
‘O rilorgio, mo capisco,
pecché ‘o cerco e nun ‘o trovo…
steva appiso…E’ ghiuto ô ffrisco:
c’è rimasto sulo ‘o chiuovo…

‘O chiuovo i’ tengo! .
Bell”e ‘ammere!
Scarole ricce p”a ‘nzalata!
Fenócchie!
‘O spassatiempo!
Mo t”e ccoglio e mo t”e vvengo!
Gué, ll’aglie!

Chesta è ‘a rumba d”e scugnizze…
Assettáteve, assettáteve!
ca s’abballa a tutte pizze…
‘O quadrillo e ‘a figurella!
Truove ‘e ddame, ‘mpizze ‘mpizze…
‘O mastrillo e ‘a rattacasa!
ca te fanno duje carizze…
Quant’è bello ‘o battilocchio!
Pruove gusto e te ce avvizze…
Pe’ chi tene ‘a moglie pazza!
Cchiù te sfrine e cchiù t’appizze…
Quatto sorde, ‘o fenucchietto!

Comm’a tanta pire nizze…
te ne scinne a sghizze a sghizze,
fin’a quanno nun scapizze!
Chesta è ‘a rumba d”e scugnizze!

Puparuole e aulive…
Magnáteve ‘o cocco, magnáteve ‘o cocco!
Rrobba vecchia…
Pallune p”allésse, pallune p”allésse!
‘E mellune chine ‘e fuoco…
Na bona marenna, na bona marenna!
Cotogne…
Gelati, gelati, gelati, gelati!
Conciatièlle…
‘A pizza cu ‘alice, ‘a pizza cu ‘alice!
Furno ‘e campagna…
‘E lazze p”e scarpe, ‘e lazze p”e scarpe!
D”o ciardino, tutte secche…
‘A capa d”o purpo, ‘a capa d”o purpo!
‘O Roma!…

Chella bella Mamma d”o Cármene v”o ppava:
Nun mm”o ppòzzo faticá!…

E’ bellella ‘a paparella!
Accattateve ‘e piatte!
Seje tuvaglie cinche lire!
N’ata pianta p”o salotto!
Nocelline americane!
Tengo ‘o ggrano p”a pastiera!
Pacchianè’, chi s”o ppenzava?
Tiene chistu campo ‘e fave!
Cicchignacco ‘int”a butteglia!
‘O zi’ monaco ‘mbriacone!
‘O vveleno p”e scarrafune!
‘A dummeneca addó’ t”a faje?
Comm’a tanta pire nizze,
te ne scinne a sghizze a sghizze,
fino a quanno nun scapizze!
Chest’è ‘a rumba d”e scugnizze!

You might be interested in