RUSELLA ‘E MAGGIO (dal musical “Storia di una magia”)

​Una canzone tratta da uno splendido spettacolo musicale, “RITORNA PIEDIGROTTA”, interpretato da un gruppo di giovani artisti napoletani, “I Girovaghi dell’Arte“. In questo filmato la canta una splendida artista di Napoli, Mena Cacciapuoti.
Il lavoro, scritto e diretto da un geniale autore napoletano,  Egidio del Giudice, ripropone, in chiave musicale, una delle più antiche e sentite feste di Napoli, quella, appunto, di “Piedigrotta”, che risale addirittura al 1200, anche se, da secoli, ha perso lentamente Il valore “popolare” da cui nasceva, per spegnersi inevitabilmente con l’avvento del progresso.
Un progresso che, nella rappresentazione, diventa il nemico di Pulcinella, la classica maschera napoletana, che si rifiuta di uscire dal suo sogno, nel nomo di un avanzare dei costumi e delle mode che non appartengono più all’anima vera della vecchia Napoli.

Autore della canzone fu uno dei maggiori compositori del suo tempo, Enrico Cannio, insuperabile nelle canzoni a tempo di marcia e in quelle briose. Ne compose a decine, alcune delle quali sono rimaste nel mito della musica napoletana (“Tarantella luciana”, “‘O surdato nnammurato”).


Il Poeta: ARTURO TRUSIANO
(Napoli, 1887 – 1953)

A 15 anni, invaghitosi di una ballerina turca, che faceva parte di un circo equestre, scappò di casa per seguirla. Riuscito ad ottenere una scrittura dal proprietario del Circo, creò un numero che riscosse un certo successo. Sennonché, dopo alcuni mesi, fu acciuffato da un maresciallo dei Carabinieri e ricondotto a casa. Trascorso qualche anno, fu assunto come amministrazione delle Poste, dove rimase fino a sessant’anni. Incoraggiato da Giuseppe Tetamo, poeta, scrittore e collega d’ufficio, cominciò a scrivere canzoni, tanto da fornire repertorio ai maggiori cantanti e comici del varietà: Pasquanello a Maldacea, da Bambi a Brugnoletto. Nel 1949 raccolse in volume le sue poesie napoletane, “Frutte d’ogne stagione”.


RUSELLA ‘E MAGGIO
(Trusiano-Cannio, 1939)

Quanno staje for’a ‘sta loggia,
Sott’a ‘stu bellu grillaggio,
Fresca, accussì leggia leggia,
Sì ‘na rusella ‘e maggio.
Si è triste, ‘o cielo se schiara,
Cchiù prufumate sò ‘e sciure,
Ll’aucielle cantano a coro
Mentr’io suspiro.

Rusella ‘e maggio mia,
Rusella ‘e maggio,
Tu sì caduta ‘a cielo ‘ncopp’a ‘sta loggia.
Te vasa ‘nfronte ‘o sole cu ‘o meglio raggio,
Rusella ‘e maggio mia,
Rusella ‘e maggio.

Quanno po’ cuse, io mme ‘ncanto,
‘Sti mmane toje tengo mente.
Pare che ‘a sott’a ‘sti punte
Proprio ‘nu sciore sponta.
Tanno, ‘a te voglio ‘na cosa,
Pe’ mme fà jì ‘mParaviso:
Ca ‘nu ricamo cianciuso
Mme faje cu ‘e vase.

Rusella ‘e maggio mia,
Rusella ‘e maggio,
Tu sì caduta ‘a cielo ‘ncopp’a ‘sta loggia.
Te vasa ‘nfronte ‘o sole cu ‘o meglio raggio,
Rusella ‘e maggio mia,
Rusella ‘e maggio.

E si cantà po’ te fanno,
‘O viento passa e, sentenno,
Comm’a ‘na radio, p’ ‘o munno,
‘Sta bella voce spanne.
Corre p’ ‘e monte e p’ ‘o mare
E doce va p’ogne core,
Purtanno gioje e suspire
D’ ‘a primmavera.

Rusella ‘e maggio mia,
Rusella ‘e maggio,
Tu sì caduta ‘a cielo ‘ncopp’a ‘sta loggia.
Te vasa ‘nfronte ‘o sole cu ‘o meglio raggio,
Rusella ‘e maggio mia,
Rusella ‘e maggio.

You might be interested in