SIENA

Regia: Gigi Oliviero


Adagiata su un dolce colle, al centro di uno dei più suggestivi panorami italiani, Siena continua ad abbagliare i suoi infiniti visitatori. Superba e orgogliosa come i suoi abitanti, la città è un meraviglioso museo all’aperto, esaltata da un’architettura urbana di straordinaria bellezza e vivibilità.


     

La mitica piazza del Campo appare all’improvviso da una delle tante stradine che vi affluiscono. E’ una visione di superba bellezza e raffinatissima arte urbana. Un’immensa conchiglia, dominata dall’audacissima struttura della Torre del Mangia, che domina il gotico Palazzo Pubblico. Sull’altro lato della piazza la deliziosa Fonte Gaia, quattrocentesca opera di Jacopo della Quercia.


     

Il più insigne monumento della città è il Duomo, una delle più riuscite creazioni dell’architettura romanico-gotica italiana. La spettacolare facciata fu progettata da Giovanni Pisano, uno dei costruttori della Torre di Pisa e rappresenta un meraviglioso spettacolo di eleganza e perfezione delle forme.


La città ha un cuore antichissimo, con istituzioni che risalgono al medioevo, come l’Università e il celebre Monte dei Paschi, una delle più antiche banche del mondo.

Un’altra bella visita sarà al Santuario di Santa Caterina, la Santa patrona d’Italia.


Ma ogni angolo della città sarà una scoperta nuova ed emozionante, soprattutto per chi desideri godere della pace e della serenità che danno le cose belle di un tempo. Pace che viene rotta (e molto violentemente) solo due giorni l’anno, in occasione di una festa che, per l’entusiasmo e le rivalità che provoca, ha pochi eguali al mondo. Una festa che dura poco più di un minuto, ma che viene attesa con ansia tutto un anno. Tre giri sfrenati di Piazza del Campo percorsi da dieci fantini su cavalli senza sella, che rappresentano altrettante contrade in acerrima rivalità fra loro: è il Palio, una corsa dove tutto è permesso, e dove a vincere non è iluomo, ma il cavallo…


You might be interested in