TARANTELLA LUCIANA (dal musical “Ritorna Piedigrotta”)

 


LA CANZONE
E’ una popolarissima e tipica tarantella smargiassa, seppur venata di sentimento e rievoca mirabilmente l’atmosfera della Napoli ottocentesca, quando Santa Lucia non era ancora invasa da alberghi cosmopoliti, la chiesa della Madonna della Catena si specchiava ancora in un mare azzurrissimo e le ragazze portavano nei capelli neri e lucidi il pettine spagnolesco a tre denti chiamato “spatella”. Gli autori sono due dei più grandi interpreti dell’arte di Napoli, Libero Bovio (l’autore di “Reginella”, “‘A canaria” e “‘O paese d’o sole”) e Enrico Cannio (mitico autore di “‘O surdato ‘nnammurato”.

La canzone è tratta da uno splendido spettacolo musicale, “RITORNA PIEDIGROTTA”, interpretato da un gruppo di giovani artisti napoletani, “I Girovaghi dell’Arte“.
Il lavoro, scritto e diretto da un geniale autore napoletano,  Egidio del Giudice, ripropone, in chiave musicale, una delle più antiche e sentite feste di Napoli, quella, appunto, di “Piedigrotta”, che risale addirittura al 1200, anche se, da secoli, ha perso lentamente Il valore “popolare” da cui nasceva, per spegnersi inevitabilmente con l’avvento del progresso.
Un progresso che, nella rappresentazione, diventa il nemico di Pulcinella, la classica maschera napoletana, che si rifiuta di uscire dal suo sogno, nel nomo di un avanzare dei costumi e delle mode che non appartengono più all’anima vera della vecchia Napoli.


Il Poeta
LIBERO BOVIO

(Napoli, 1883 – 1942)
Quando Libero Bovio passava per le tumultuose strade di Napoli, in carrozzella, era fatto segno a dimostrazioni di affetto e di ammirazione. Pochi erano quelli che non si accorgevano del suo passaggio. Con l’immancabile sigaro tra le labbra e le grosse mani appoggiate al pomo bianco del bastone, lo si vedeva assorto nei suoi pensieri a tirar su mentalmente, quartine, ritornelli, sonetti, scene teatrali, novelle Un amore infinito per Napoli, un continuo sospirare per l’amata Maria, una pena per l’umanità depressa ed avvilita, una gioia per l’infinito dono della vita, erano le corde più toccate dal suo genio. E come l’ispirazione affluiva limpida alla sua anima, così la battuta di spirito affluiva spontanea alle sue labbra. Dalla canzone al teatro, e viceversa, al un comune filo ispiratore, Libero Bovio si muove in un continuo stato di grazia che gli consente di dar vita a figure palpitanti di umanità, siano esse scolpite a tutto sesto o soltanto abbozzate. Sono figure tratte da una dolente, piccola borghesia; sono i protagonisti di avvenimenti che si srotolano tra vichi e piazzette dei quartieri più popolosi della città. E questa folla di figure, emergenti in un desiderio di riscatto oppure tuffate nell’accettazione di una abiezione ancestrale, trova in Libero Bovio una dimensione nuova, cioè quella dimensione che soltanto la poesia può dare. Figura indimenticabile la sua. Produsse centinaia di canzoni e animò con la sua genialità case editrici e compagnie di prosa che portavano in giro per l’Italia i suoi lavori teatrali e quelli di altri autori, quali Di Giacomo, Russo, Murolo, Netti, ecc. Per oltre trentacinque anni combattè e vinse le più belle battaglie d’arte. Poi, un male imperdonabile lo confinò in casa, fino a quando, presàgo del proprio destino, non lesse alla sua dolce compagna – la buona signora Maria – il suo ultimo canto: Addio a Maria.

Il Musicista
ENRICO CANNIO 

(Napoli, 1875 – 1949)
Fu uno dei maggiori compositori del suo tempo, dalla vena felice e estremamente popolare. Fu particolarmente apprezzato nelle canzoni briose e a tempo di marcia, come la celebrrima “‘O surdato nnammurato”, diventato oramai uno degli inni della canzone napoletana nel mondo. Era un musicista molto preparato, diplomato in pianoforte e fu un ottimo direttore d’orchestra. Svolse la sua attività musicale sempre a Napoli, collaborando a innumerevoli spettacoli e lasciandoci numerose canzoni di successo,  scritte coi più grandi poeti del tempo (Bovio, Murolo, Califano).

TARANTELLA LUCIANA
di Cannio – Bovio (1913)Ma chest’ evera ‘e mare
comm’addora stasera!
Tutto munno mme pare
cchiu’ schietto
e cchiu’ allero,
nun saccio ‘o ppecche’…
Viene ‘a cca’, Luciana…
Tu, che ancora ‘a spadella,
puorte dinte capille,
si’ ‘a femmena bella
ca i’ voglio vede’…
‘Sta tarantella
napulitana,
‘nziem’a te Luciana,
ca si’ guappa e si’ bella,
cu li ttammorre,
cu ‘e ccastagnelle,
sott’a ll’uocchie d’e stelle
stu core, ch’abballa,
vulesse abballa’!
.
Aggio fatto nu pigno,
ma cu gusto e piacere:
si stasera mme ‘ngigno,
mm’aspetta ll’onore
ch’abballe cu me…
Mm’appresento cu’o tubbo,
cu ‘o cazone a campana,
cu ‘o rilorgio e ‘a catena
ma tu, Luciana,
mm’hi ‘a fa’ cumpari’…
‘Sta tarantella
napulitana,
‘nziem’a te Luciana,
ca si’ guappa e si’ bella,
cu li ttammorre,
cu ‘e ccastagnelle,
sott’a ll’uocchie d’e stelle
stu core, ch’abballa,
vulesse abballa’!
.
Nun sentite ‘a campana?!…
Ne!…Menatela ‘a rezza!
E, pa gente luntana,
ca voca e sollazza,
vulite prija’?!…
Ma chi e’ chisto ch’abballa:
“Tarante’…Tarantella?”
Ride, Napule bella,
ca e’ Pulecenella
ca torna, e sta cca’!
‘Sta tarantella
napulitana,
‘nziem’a te Luciana,
ca si’ guappa e si’ bella,
cu li ttammorre,
cu ‘e ccastagnelle,
sott’a ll’uocchie d’e stelle
stu core, ch’abballa,
vulesse abballa’!

You might be interested in