TEGGIANO (Vallo di Diano – Campania)

Link utili: DOCUMENTARIO VALLO DI DIANO


Siamo in una splendida zona della Campania, il Vallo di Diano e da uno splendido belvedere ci affacciamo su Teggiano, la cittadina il cui antico nome, Dianum, ha dato il nome a tutta la vallata.


                                                                         

                                        


Splendido luogo di villeggiatura, a 635 metri di altitudine, l’abitato è dominato da uno grande castello, del 1285, che fu teatro, nel 1485, della mitica “Congiura dei baroni” che si ribellarono a Federico D’Aragona, di cui abbiamo parlato nella visita di Sala Consilina. Il castello è spesso sede di mostre di ogni tipo, come questa fiera della gastronomia locale, che ci permette di conoscere gli straordinari sapori della regione, con cibi e ingredienti assolutamente genuini, proposti, in tutte le forme, dai numerosi e attrezzatissimi agriturismo, che offrono, a prezzi molto contenuti, vacanze nella natura e nella salute davvero da ricordare.

Ma non si può dimenticare che anche Teggiano è paese di antiche tradizioni contadine. Ecco allora due inconsueti e suggestivi musei. Quello delle erbe, dove scoprire la millenaria scienza popolare di utilizzare ogni tipo di erba per curare qualsiasi malanno, in un’inconsueta farmacia della storia, che utilizza solo medicine e ricette assolutamente naturali…



E poi il Museo delle tradizioni contadine, in cui si può ripercorrere l’affascinante storia di un popolo umile e alacre…

Di grande importanza è poi il Museo diocesano, allestito nell’antica chiesa di San Pietro, che conserva sculture, capitelli e suppellettili d’età romana, oltre a sculture lignee, affreschi, stemmi e tombe medievali di grande valore e interesse artistico.

Fra le tante chiese ricche di storia e arte, spicca la Cattedrale, S. Maria Maggiore, aperta al culto nel 1274, ma forse esistente fin dai primi tempi cristiani.

L’elegante interno conserva pregevoli opere di scultura e uno splendido pulpito scolpito, risalente al 1279, opera di Melchiorre da Montalbano.

You might be interested in