TIEMPE BELLE (dal musical “Storia di una magia”)

LA CANZONE
E’ uno degli ultimi pezzi di Vincenzo Valente, autore di tante belle canzoni, che lascerà l’eredità artistica al figlio Nicola, anch’egli squisito musicista (è fra l’altro autore di “Signorinella”). Siamo solo nel 1916, eppure già nei versi traspare la nostalgia per il ‘tempo che fu’, una tematica immortale nella storia della canzone di Napoli.
La canzone fu anche l’ultimo successo di Aniello Califano, una straordinaria figura di poeta che animò le notti napoletane nei primi anni del ‘900. Era ricco il giovane Aniello. era nato a Sorrento da una famiglia di ricchi possidenti terrieri. Figlio unico, una volta mandato a Napoli, iniziò a frequentare  la bella vita e le donne, senza mai  lasciarsi sfuggire l’occasione di riempire la sua vita con avventure sempre nuove. Prese a scrivere canzoni sia per una naturale inclinazione, sia per le moine interessate che gli facevano le tante ballerine e attricette che conquistava a suon di soldi.

Una canzone tratta da uno splendido spettacolo musicale, “Storia di una magia“, interpretato da un gruppo di giovani artisti napoletani, “I Girovaghi dell’Arte“.

Il lavoro, scritto e diretto da un geniale autore napoletano,  Egidio del Giudice, ripropone, in chiave musicale, una delle più antiche e sentite feste di Napoli, quella, appunto, di “Piedigrotta”, che risale addirittura al 1200, anche se, da secoli, ha perso lentamente Il valore “popolare” da cui nasceva, per spegnersi inevitabilmente con l’avvento del progresso.


Il Poeta: ANIELLO CALIFANO 
(Sorrento, 1870 – 1919

In tutti i fascicoli, in tutti i libretti, in tutti i giornali che pubblicarono canzoni, dal 1888 al primo ventennio del nostro secolo, si trovano versi del Califano. Perchè una montagna, un fiume, un diluvio ne produsse nella sua trentennale attività; ed è logico che, spesso, la quantità vada a discapito della qualità. Tuttavia, era tra i poeti che raccoglievano successi su successi a carattere internazionale, anche perché i suoi versi. facili e earbati. venivano musicati dai più geniali musicisti dell’epoca (Valente, Gambardella, Di Capua, Di Chiara, Falvo). 
Iscritto alla Facoltà d’ingegneria, abbandonò presto l’Università per dedicarsi alla canzone. Aveva una proprietà in San Lorenzo di Pagani dove morì colpito da vaiolo. Il suo paese natale, Sorrento, reclamò le spoglie del suo cantore e intitolò una strada al suo nome. Scrisse anche in dialetto poesie che pubblicò in tre libriccini: “Primma sbrasata” – Ediz. Fantasio – Napoli, 1894; “Scenette napoletane” – Tip. Angora – Nocera Inf., 1898; “Spine, frunnelle e sciure” – Ediz. Nobile – Napoli, 1900.


Il musicista
NICOLA VALENTE
(Napoli, 1881 – 1946)

Saverio Procida, nella presentazione di un fascicolo di canzoni di Nicola Valente pubblicato nel 1930, scriveva, tra l’altro: “Vent’anni di carriera e di successi! Mai stanchezza ho sorpreso in quest’autore popolare dalla vena pronta, dalla fede sicura, dall’istinto alacre che ha sfondato la pigrizia della volontà e trasformato in fecondità l’accidia del maestro buontempone. Ecco perchè le canzoni del Valente hanno un profumo di giovinezza e un incantamento d’amore. Sentono dell’alga marina e s’impregnano degli occhi delle grotte, dalle cui sinuosità la misura lirica si lascia plasmare”.
Napoletano com’era fin nelle più riposte fibre, lo si poteva giudicare – a voler dar credito ad un vecchio luogo comune – incline a rilassamenti o pause prolungate tra una canzone e l’altra. Invece Valente lavorò sempre febbrilmente, con in più, poichè di sole ne era circondato ad usura, una coloritura musicale e un senso gioioso della vita che traspiravano da tutti i pori. Figlio di Vincenzo Valente, un colosso che profuse a piene mani gioielli di canzoni napoletane, non dovette essere facile per lui svincolarsi dalla soggezione che l’arte paterna gli doveva incutere. E se non raggiunse le vette toccate dal padre ebbe tuttavia uno stile proprio, raffinato e popolaresco allo  stesso tempo. Toccò tutti i generi di composizione, dal drammatico  al sentimentale. dal brioso al comico, con uguale perizia e genialità, fino a collezionare una lunga serie di successi. Infatti, si può ben affermare che nei suoi trenta-quattro anni di attività, senza contare gli anni giovanili dedicati alle macchiette, scritte su misura per Nicola Maldacea, non venne mai abbandonato dal pubblico. Ancora amate e cantate sono: L’addio, Brinneso, Torna!, Simmo ‘e Napule, paisà!, e soprattutto quella che si può considerare la canzone tipica italiana, la deliziosa, tenera Signorinella. Fece parte delle Case editrici Poliphon, Gennarelli, La Canzonetta, Santa Lucia e fu, con Bovio, Lama e Tagliaferri, fondatore de La Bottega dei 4. Scrisse  quattro-cinque operette, fra  cui: Lo shimmy verde (1925) e, in collaborazione con Tagliaferri, Mugika (1928).


TIEMPE BELLE ‘E NA VOTA
(di Valernte-Califano – 1916)

Tu mme vuó’ fà capì ca si’ cuntenta.
I’ voglio fà vedé ca so’ felice.
Ma ‘a verità nisciuno ‘e nuje nun dice.
Sti core nuoste avesser’ ‘a parlà.

Tiempe belle e na vota,
tiempe belle addó’ state?
Vuje nce avite lassate,
ma pecché nun turnate?
Tiempe belle e na vota,
tiempe belle addó’ state?
Vuje ce avite lassate,
pecché nun turnate?

Mo pe’ sfurtuna mia stóngo cu n’ata,
pe’ nu capriccio tu cu n’ato staje.
Se sònna chella ca nn’ ‘a lasso maje
e se lusinga chillo ‘mbraccio a te.

Tiempe belle e na vota,
tiempe belle addó’ state?
Vuje nce avite lassate,
ma pecché nun turnate?
Tiempe belle e na vota,
tiempe belle addó’ state?
Vuje ce avite lassate,
pecché nun turnate?

Nuje pe’ vulerce bene simmo nate,
facìmmole cuntente chisti core,
turnammo n’ata vota a chill’ammore
ca, pe’ destino, nun ce vò’ lassà.

Tiempe belle e na vota,
tiempe belle addó’ state?
Vuje nce avite lassate,
ma pecché nun turnate?
Tiempe belle e na vota,
tiempe belle addó’ state?
Vuje ce avite lassate,
pecché nun turnate?

You might be interested in